DOMENICA 17 MAGGIO 2015, 006:05, IN TERRIS

FESTIVAL DI CANNES: TUTTI I FILM DA VEDERE

Oggi viene presentato “Mia madre” del regista Nanni Moretti, una delle tre pellicole in gara “made in Italy”

MILENA CASTIGLI
FESTIVAL DI CANNES: TUTTI I FILM DA VEDERE
FESTIVAL DI CANNES: TUTTI I FILM DA VEDERE
Il 68esimo festival cinematografico di Cannes è cominciato da appena tre giorni, eppure il riscontro di pubblico e di critica di questa edizione è già in positivo. Grazie, probabilmente, al ricco palinsesto di pellicole e di star – nazionali e non – che hanno percorso e calpesteranno, fino alla serata finale del 24 maggio – la bella Promenade de la Croisette della città francese.

Il programma delle pellicole in gara e di quelle fuori concorso era stato reso pubblico dall’organizzazione in conferenza stampa a Parigi, e trasmesso anche in diretta streaming su YouTube, già dal 16 aprile scorso. I selezionatori quest’anno hanno valutato 1.854 film. I diciassette titoli in competizione sono: “Dheepan” di Jacques Audiard, “La loi du marché” di Stéphane Brizé, “Marguerite et Julien” di Valérie Donzelli, “Il racconto dei racconti” di Matteo Garrone – che ha raccolto 11 minuti di applausi giovedì sera - “Carol” di Todd Haynes con Cate Blanchett, “Nie Yinniang” di Hou Hsiao Hsien, “Shan he gu ren” di Jia Zhang-Ke, “Umimachi Diary” di Hirokazu Kore-eda, “Macbeth” di Justin Kurzel con Michael Fassbender e Marion Cotillard, “The Lobster” di Yorgos Lanthimos con Colin Farrell, Léa Seydoux e Rachel Weisz, “Mon Roi” di Maïwenn, “Mia madre” di Nanni Moretti (proiettato oggi), “Saul Fia” di László Nemes (opera prima), “La giovinezza” del Premio Oscar Paolo Sorrentino, “Louder than Bombs” di Joachim Trier con Gabriel Byrne e Isabelle Huppert, “The Sea of Trees” di Gus Van Sant e “Sicario” di Denis Villeneuve.

I lungometraggi fuori concorso sono: “Irrational Man” di Woody Allen, il già annunciato “Mad Max: Fury Road” di George Miller – con la splendida seppur irriconoscibile Charlize Theron - il nuovo film Pixar “Inside Out” di Pete Docter e “Il piccolo principe” di Mark Osborne, entrambi d’animazione, e “La Tête Haute” di Emmanuelle Bercot, presentato in apertura. Tra le proiezioni speciali ci sono infine “Amy“, il documentario di Asif Kapadia su Amy Winehouse, “Amnesia” di Barbet Schroeder e “A Tale of Love and Darkness”, con l’esordio alla regia di Natalie Portman.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.