DOMENICA 12 APRILE 2015, 14:30, IN TERRIS

ARTE IN 3D: IL MAO È IL PRIMO MUSEO ITALIANO SU GOOGLE ART PROJECT

La piattaforma di Mountain View ha scelto 20 pezzi dalle esposizioni di Torino

MILENA CASTIGLI
ARTE IN 3D: IL MAO È IL PRIMO MUSEO ITALIANO SU GOOGLE ART PROJECT
ARTE IN 3D: IL MAO È IL PRIMO MUSEO ITALIANO SU GOOGLE ART PROJECT
Il Mao – Il Museo d’arte orientale di Torino - è il primo museo italiano ad aver aderito al progetto pilota di Google Art Project, che consiste nella scansione di importanti opere d’arte –quali statue, vasellame, maschere, bronzi etc - per riportarle in video in tre dimensioni. Dal Mao l’equipe di Google ha selezionato venti opere tra quelle conservate nelle sale espositive del museo piemontese che rappresenteranno l’Italia sulla piattaforma digitale di Mountain View pensata per la promozione e la tutela delle cultura online. Le opere sono già disponibili in rete e per la prima volta si potranno ammirare online in 3D con un livello di dettaglio e di angolazione in alta definizione.

Le venti opere selezionate, spaziano dalla collezione cinese con vasellame in terracotta bianca della cultura Dawenkou risalente al 2900-2400 a.C. e statuine della dinastia degli Han datate III secolo d.C., ai bronzi provenienti della regione himalayana del XVII-XVII secolo d.C. Tra pochi giorni si potranno apprezzare anche opere d’arte islamica di stili e materiali diversi. Per consentire la visione tridimensionale ad alta risoluzione, gli ingegneri del Google Cultural Institute hanno realizzato un’apposita apparecchiatura scanner ad anello, simile al macchinario della Tac, in grado di elaborare oggetti delle dimensioni massime di 40cm.

Il progetto 3D con le opere del Museo d’arte Orientale sarà presentato a Chicago alla conferenza “Museum and the Web”, la più importante conferenza annuale dedicata ai musei e alle nuove tecnologie, dedicata ai professionisti del settore e che presenta dal 1997 le ricerche più avanzate e i musei più all’avanguardia. Inoltre, la Fondazione Torino Musei continuerà la collaborazione con il Google Cultural Institute grazie al lancio di tre app culturali dedicate rispettivamente al Mao, a Palazzo Madama e al Gam, la Galleria civica d'arte moderna e contemporanea del capoluogo. La realizzazione della scansione in 3D rappresenta un passo decisivo verso la fruizione dell’arte con un metodo innovativo che apre al futuro.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce