MARTEDÌ 27 NOVEMBRE 2018, 10:44, IN TERRIS


MORTE BERNARDO BERTOLUCCI

Aperta la camera ardente in Campidoglio

L'ultimo saluto al maestro del cinema oggi dalle 10 alle 19 nella sala della Protomoteca

VERONICA LEA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bernardo Bertolucci: oggi la camera ardente
Bernardo Bertolucci: oggi la camera ardente
O

ggi l'ultimo saluto al maestro del cinema Bernardo Bertolucci scomparso ieri all'età di 77 anni nella sua casa di Trastevere, a Roma. La camera ardente è stata allestita in Campidoglio e resterà aperta dalle 10 alle 19 nella sala della Protomoteca.

Nato a Parma il 16 marzo 1941 è stato tra i registi italiani più rappresentativi e conosciuti a livello internazionale, ha diretto film di successo come Il conformista, Ultimo tango a Parigi - che destò così tanto scandalo che la pellicola fu addirittura messa al rogo - Il tè nel deserto, Novecento e L'ultimo imperatore, che gli valse l'Oscar al miglior regista e alla migliore sceneggiatura non originale. È l'unico italiano ad aver vinto un Oscar per la regia, considerando che Frank Capra, anch'egli assegnatario del riconoscimento, era italiano ma naturalizzato statunitense. Nel 2007 gli fu conferito il Leone d'oro alla carriera alla 64ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e nel 2011 la Palma d'oro onoraria al 64º festival di Cannes.


Il cordoglio

Alla famiglia il cordoglio di tutto il mondo del cinema e delle istituzioni. "E’ un lutto gravissimo quello che ci colpisce oggi con la scomparsa di Bernardo Bertolucci. Un lutto per la cultura mondiale, per il mondo dell’arte cinematografica, per l’Italia, per quell’Emilia-Romagna che ha saputo dipingere così magistralmente cogliendone l’essenza”. Così il Presidente della Regione, Stefano Bonaccini.

“Bernardo Bertolucci non c’è più. Se n’è andato l’ultimo imperatore del nostro cinema, e del ‘900 che ha consacrato l’Emilia-Romagna nel mondo come terra votata alla settima arte”, ha dichiarato Massimo Mezzetti, assessore regionale alla Cultura.

"Sentimenti di dolore, rammarico, e profonda riconoscenza accompagnano la morte di Bernardo Bertolucci. Dolore per la sua scomparsa, e rammarico perché gli ultimi anni di malattia avevano impedito al cinema italiano e mondiale di godere della sua eccezionale, irripetibile maestria", così Francesco Rutelli.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Giulio Tremonti
FACEBOOK

Tremonti: "Con Libra cambiano le regole del gioco"

"Per evitare spiazzamento sistema bancario, mettere l'Iva sulla valuta virtuale"
Alcuni archeologi a lavoro su uno scavo.
ARCHEOLOGIA

La Germania ci restituisce una testa romana

"Piena adesione dei due paesi alla tutela del patrimonio culturale comune"
Cassonetti pieni
SALUTE

Codacons: Roma invasa dai rifiuti, pericolo epidemia

Coordinamento per i diritti dei consumatori presenterà esposto. Raggi: "Allarme ingiustificato"
La palazzina crollata

Esplode palazzina a Gorizia: 2 morti, si cerca 1 disperso

Probabile fuga di gas in viale XX settembre al civico 87
Ricerca di case vacanza su internet
TRUFFE SUL WEB

Gli 8 consigli della Polizia Postale per prenotare online la casa vacanza

E' in crescita continua la tendenza a usare internet, ma la truffa è dientro l'angolo
Magliette

Libera maglietta in libero Stato

E'scoppiata in queste ore la polemica sulla maglietta Lacoste indossata da Carlo Calenda, l’ex ministro...