GIOVEDÌ 28 MAGGIO 2015, 18:20, IN TERRIS

"ALL YOU CAN EAT": CHIARA LALLI IN UN IRONICO ATLANTE DEL CIBO

L’autrice, giornalista affermata, analizza molti luoghi comuni e credenze erronee del mangiar sano

MILENA CASTIGLI
"ALL YOU CAN EAT": CHIARA LALLI IN UN IRONICO ATLANTE DEL CIBO
"All You Can Eat. Atlante alimentare illustrato", ed. Fandango, è l’ultima fatica letteraria di Chiara Lalli, giornalista de Il Corriere della Sera, Internazionale e Wired, e docente accademica. La Lalli ha in attivo già numerose pubblicazioni, tra le quali i libri "Secondo le mie forze e il mio giudizio. Chi decide sul fine vita", "A. La verità, vi prego, sull'aborto", "C'è chi dice no. Dalla leva all'aborto, come cambia l’obiezione di coscienza”, ma è la prima volta che si cimenta in un’opera di natura “culinaria”.

Non si tratta del solito libretto di ricette, ma di un vademecum sulle fissazioni e sulle scuse accampate dagli italiani in fatto di cibo. Il risultato è una divertente carrellata di tipi alimentari in cui ognuno potrebbe riconoscersi: dai procrastinatori ai vegani intransigenti, dai frequentatori seriali di buffet ai fruttariani, dai crudisti agli entusiasti della biodinamica, dagli esperti di vino agli intolleranti al lattosio, fino al "non mangio mica niente" e al classico "ho le ossa grosse".

"Ma c'è anche l'analisi di molti luoghi comuni e credenze erronee - spiega l'autrice - come la convinzione che il naturale e il biologico siano garanzia di bontà e genuinità, che gli Ogm facciano male e che il chilometro zero sia la soluzione di tutti i guai del mondo", spiega l'autrice che con tono lieve demolisce alcune ingenue spiegazioni e abitudini. "Come pensare che si diventi anoressiche perché si guardano le modelle e si vuole diventare come loro. O, ancora, suggerire che se facciamo una legge per vietare i siti che incitano alla magrezza risolviamo qualcosa".

Nel nuovo libro la Lalli riporta ironicamente anche alcuni traumi infantili: come la richiesta di aspettare 3 ore prima di fare il bagno nonostate il sole cocente e la convinzione che dove si fermano i camionisti si mangi bene. In chiusura, un'appendice con alcune indicazioni bibliografiche e le leggi fondamentali delle diete, che potrebbero forse essere riassumibili nel motto: "voler essere magri, ma senza sforzo".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...