MERCOLEDÌ 23 MAGGIO 2018, 10:04, IN TERRIS


LUTTO

Addio a Philip Roth, gigante della letteratura

L'autore del "Lamento di Portnoy" si è spento a 85 anni. Vinse il Pulitzer nel '98

FRANCESCO VOLPI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Philip Roth
Philip Roth
S

i è spento a 85 anni lo scrittore Philip Roth, uno dei maggiori esponenti della letteratura americana contemporanea. La morte, confermata dal suo agente Andrew Wylie, è avvenuta nelle scorse ore in un ospedale di New York a seguito di un'insufficienza cardiaca.  


Pulitzer

Autore tra gli altri di "Pastorale Americana", per cui ha vinto il Premio Pulitzer nel 1998, e di "Lamento di Portnoy", è stato uno scrittore prolifico; il suo lavoro è considerato un'esplorazione profonda e critica dell'identità americana. Sesso, religione e morale i suoi temi ricorrenti, in una produzione vasta e punteggiata da figure letterarie iconiche, da David Kepesh ad Alexander Portnoy.


Origini

Nato in New Jersey nel 1933 in una famiglia della piccola borghesia ebraica, Philip Roth ha esplorato a fondo proprio quella sua storia familiare, la dimensione ebraica incastonata nell'America contemporanea. Ne ha sviscerato vezzi e miti in un viaggio profondo reso possibile da un realismo senza compromessi insieme con un registro comico che nella produzione di Roth diventa anche chiave letteraria. Fino ai temi "difficili" e a tratti crudi: il desiderio, le ipocrisie, veicolati da una originalità che rende il suo racconto unico.


Capolavori

Esordì nel 1959 con "Addio Columbus", poi il primo grande successo dieci anno dopo con "Il lamento di Portnoy", che oltre al successo e alla notorietà gli attribuì anche l'etichetta di scrittore "scandaloso" per come osò sfidare il pudore affrontando il tema del piacere con un registro tragicomico che consegna la figura di Alexander Portnoy all'Olimpo della creazione letteraria. Con "Pastorale Americana", del 1997, aprì un capitolo molto più esplicito nella sua osservazione politico-sociale, un lavoro che proseguì sulla stessa linea con "Ho sposato un comunista" e "La macchia umana". Nel 2009 annunciò la fine della sua carriera da romanziere: fino ad allora aveva pubblicato oltre 30 libri, tradotti in molte lingue.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carlo Delle Piane
LUTTO NELLO SPETTACOLO

Il cinema piange Carlo Delle Piane

L'attore, 83enne, aveva lavorato con Alberto Sordi, Aldo Fabrizi, Totò, De Sica e Pupi Avati
Mons. Edgar Pena Parra
VATICANO

Venezuela, i vescovi difendono il Sostituto

In una nota l’episcopato denuncia le “false accuse” contro il “numero tre” della Santa Sede,...
La nave Ocean Viking
MIGRANTI

Intesa raggiunta: Ocean Viking attracca a Malta

Il premier maltese ne dà l'annuncio via Twitter: i 356 naufraghi saranno redistribuiti in altri 6 Paesi
La cattedrale di Notre-Dame a Ho Chi Minh
DIALOGO ED EVANGELIZZAZIONE

Vaticano e Vietnam mai così vicini

Incontro tra le delegazioni poi l’udienza con Papa Francesco. Nuovi spazi di libertà per la Chiesa
Pupi Avati
CINEMA

Ecco “Il signor diavolo” di Pupi Avati

Il regista cattolico trasforma in film il suo libro sulla presenza del male
SPAZIO

Nella Via Lattea fino a 10 milioni di "gemelli" della Terra

Lo ha calcolato l’università della Pennysilvania con i dati del telescopio Kepler. La prossima missione spaziale...