SABATO 16 FEBBRAIO 2019, 14:55, IN TERRIS


CINEMA

Addio a Bruno Ganz, l'Hitler de "La caduta"

L'attore svizzero fu anche l'angelo Damiel ne "Il cielo sopra Berlino". Una carriera straordinaria vissuta nella discrezione

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bruno Ganz
Bruno Ganz
D

amiel ne Il cielo sopra Berlino, Fernando Girasole in Pane e tulipani ma, soprattutto, Adolf Hitler nel film La caduta, forse la sua interpretazione più riuscita: tanti e straordinariamente intensi volti quelli assunti da Bruno Ganz nel corso della sua lunga carriera cinematografica, spesa perlopiù a rendere grande il cinema tedesco ma anche partecipando a successi internazionali, soprattutto in Italia. L'attore svizzero si è spento a 77 anni la notte scorsa a Zurigo, lasciando in eredità ruoli iconici in film di successo, interpretati con un'intensa carica emotiva, dovuta a talento e a una formazione teatrale che lo vide esprimersi con ottimi risultati anche nella recitazione dal vivo. Di lui rimane impresso nella memoria il famoso monologo del furher nel bunker, che valse a Ganz un'acclamazione a livello internazionale.


La carriera

Nato in Svizzera, l'attore ha perlopiù contribuito al moderno cinema tedesco, prendendo parte a pellicole di successo negli anni 70 come Nosferatu, il principe della notte o, qualche anno prima, La marchesa von... di Eric Rohmer, a fronte di un debutto arrivato addirittura nel 1960, con Der Herr mit der schwarzen Melone. Sempre forte il legame di Ganz con l'Italia: compare nei film Oggetti smarriti di Giuseppe Bertolucci (1980) e La storia vera della signora dalle camelie di Mauro Bolognini (1981). Un'anticipazione del successo straordinario del suo personaggio ne Il cielo sopra Berlino, datato 1987 e Palma d'oro alla Miglior regia per Wim Wenders al Festival di Cannes: un'acclamazione di pubblico e di critica per la sua interpretazione nei panni dell'angelo Damiel e la sua vita in bianco e nero osservando gli abitanti della capitale tedesca, fino alla decisione di diventare umano con tutto ciò che questa scelta comporterà.

Nel 2004 viene scelto da Oliver Hirschbiegel per interpretare Adolf Hitler ne La caduta, storia degli ultimi giorni di vita del furher che gli vale una nuova standing ovation del pubblico e della critica, tanto che la scena in cui Hitler inveisce contro i suoi generali dopo aver preso atto della fine della sua ambizione diventerà una delle più iconiche nel cinema del Nuovo millennio.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile
Ambulanza (immagine di repertorio)
MORTI BIANCHE

Piacenza, operaio muore sotto una lastra d'acciaio

La tragedia in un'azienda meccanica, la vittima aveva 68 anni
Isaias Rodriguez
L'ANNUNCIO

Venezuela: si dimette l'ambasciatore in Italia

Il diplomatico ha spiegato la sua decisione in una lettera a Maduro
Don Buonaiuto a
PROSTITUZIONE

Don Buonaiuto: "Basta proteggere gli schiavisti"

Il prete di strada a "Storie Italiane": "Clienti pensano di poter comprare corpi"