VENERDÌ 08 MAGGIO 2015, 18:32, IN TERRIS

A PALAZZO MARGUTTA LE ENERGIE CONVERGENTI DI ECHEONI E D'ARRIGO

L'esposizione, a ingresso libero e in programma dal 9 al 19 maggio, presenterà le opere dei due artisti

AUTORE OSPITE
A PALAZZO MARGUTTA LE ENERGIE CONVERGENTI DI ECHEONI E D'ARRIGO
A PALAZZO MARGUTTA LE ENERGIE CONVERGENTI DI ECHEONI E D'ARRIGO
"Colore – Forma – Materia. Energie convergenti" è la mostra che da sabato 9 maggio sarà ospitata nella Galleria "Il mondo dell'arte" con sede nello storico Palazzo Margutta. In programma fino al 19 maggio l'esposizione racconta, attraverso un'ampia raccolta dei lavori più recenti di Elvino Echeoni e Giusy D'Arrigo, due artisti perfettamente complementari tra di loro che, pur mantenendo un proprio linguaggio creativo, riescono a entrare in perfetta sintonia coinvolgere lo spettatore.

Echeoni è un artista completo e poliedrico. Conosciuto e amato dal grande pubblico per l’utilizzo di tonalità intense, è capace di spaziare dalla tavolozza agli spartiti musicali, passando per il restauro, la scenografia, l'incisione, la scultura, e ancora per la composizione di testi e canzoni. Impegnato da sempre nella costante ricerca di forme rappresentative nuove e diverse e nell'impiego di stili e tecniche differenti, ha sintetizzato negli anni scorsi il difficile rapporto tra l'astratto e il figurativo nei pezzi dedicati alla Realtà virtuale e ai Momenti musicali, che riescono a far sognare lo spettatore. Nelle sue opere la voce è affidata al colore, di cui ha approfondito le tinte cromatiche, tanto da prendere forma e diventare il soggetto principale delle tele.

Pittrice e scultrice di fama internazionale, Giusy D'Arrigo unisce la rigorosa tecnica di bottega rinascimentale all'abilità di attingere dalla realtà della natura simboli e ancestrali segni divini. Artista capace con lo scalpellino di realizzare lavori che, pur traendo spunto dalla sua storia personale, sono intrisi di influssi popolari e richiami a riferimenti colti come Chagall, Malevich, Matisse e ancora tanti altri: nelle sue opere è impossibile non ritrovare l'influenza delle creazioni artistiche dei primi due, la luce di uno dei più rivoluzionari pittori della storia del Novecento, la forza plastica di Picasso, l'universo variopinto di Klimt, il simbolismo di Van Gogh. Per D'Arrigo è la materia – che sia bronzo, rame, legno o altro - a sprigionare quella forza interiore che porta all'eternità.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Il luogo dell'esplosione
PRATI

Molotov contro un commissariato Ps

La bottiglia incendiaria ha colpito un vecchio furgone della polizia. Indagini in corso
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Cristiani perseguitati
GERMANIA

Cattolici e protestanti contro i nazionalismi

Presentato a Berlino il rapporto ecumenico sulla libertà religiosa dei cristiani nel mondo