VENERDÌ 12 GIUGNO 2015, 13:15, IN TERRIS

12 GIUGNO 1942: ANNA FRANK INIZIA A SCRIVERE IL SUO DIARIO

Quel quaderno ricevuto in regalo per il tredicesimo compleanno, diventerà uno dei documenti dello struggente Olocausto del popolo ebraico

AUTORE OSPITE
12 GIUGNO 1942: ANNA FRANK INIZIA A SCRIVERE IL SUO DIARIO
12 GIUGNO 1942: ANNA FRANK INIZIA A SCRIVERE IL SUO DIARIO
"Subito dopo le sette andai da papà e mamma e poi nel salotto per spacchettare i miei regalucci. Il primo che mi apparve fosti tu, forse uno dei più belli fra i miei doni". Sono le prime righe con cui Anna Frank il 12 giugno del 1942 inaugura il suo diario. La piccola, tedesca di nascita ma olandese di adozione, racconta l'emozione del suo tredicesimo compleanno durante il quale le verrà consegnato un quaderno che, a sua insaputa, la farà diventare parte del patrimonio letterario della seconda guerra mondiale.

La copertina è a quadretti rossi, proprio come quello che il giorno prima aveva visto nella libreria vicino casa sua. Su quel diario Anna appunta pensieri, paure, desideri e angosce rivolgendosi a un'amica immaginaria chiamata "Kitty". La sua famiglia fu vittima della persecuzione nazista che in quegli anni prese il sopravvento, e per questo motivo la ragazzina non potendo più frequentare la scuola, trascorse la sua quotidianità tra le mura della casa prima, e di un alloggio segreto in seguito.

E' in questo tempo che Anna Frank si dedicherà al diario, descrivendo con fiumi di parole le vicende della sua famiglia, il ricordo dei compagni di scuola, il suo primo amore ma anche quegli anni vissuti nella paura a causa della ferocia nazista che si aggirava in città. Il suo racconto s'interrompe bruscamente nell'agosto del 1944, quando la sua famiglia viene arrestata e portata nel campo di concentramento di Auschwitz e di qui a quello di Bergen Belsen.

Sarà il padre, unico sopravvissuto, a pubblicare il diario della figlia, divenuto simbolo letterario dell'Olocausto del popolo ebraico. Quelle preziose e dolorose righe rivelano le aspirazioni della piccola Anna che si chiedeva: "Sarò mai capace di scrivere qualcosa di importante, lo spero proprio, perché scrivendo posso confidare alla carta tutti i miei pensieri, i miei ideali, i miei sogni".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018
Il Segretario del Pd Matteo Renzi
ELEZIONI

Renzi: "Il Pd sarà il primo partito"

"Boschi oggetto di un’attenzione spasmodica, si deve candidare"
Presepe

La solita ipocrisia

Il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, invita le scuole dell’Isola ad allestire il Presepe in...
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco