LUNEDÌ 26 NOVEMBRE 2018, 10:04, IN TERRIS


CINEMA

È morto Bernardo Bertolucci

Si è spento il regista premio Oscar per "L'ultimo imperatore"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bernardo Bertolucci
Bernardo Bertolucci
S

i è spento all'età di 77 anni il regista Bernardo Bertolucci. Figlio del famoso poeta Attilio, il cineasta era nato a Parma il 16 marzo del 1941. Dal 2012 era lontano dalla macchina da presa a causa di una brutta malattia che lo aveva costretto a vivere sulla sedia a rotelle.


La carriera

Bertolucci esordì nel cinema nel 1962 con "La commare secca", ambientato a Roma e ispirato ad un soggetto scritto da Pier Paolo Pasolini, grande amico di suo padre Attilio. Il grande successo arrivò nel 1970 con "Il conformista", tratto dal romanzo di Alberto Moravia, che si aggiudicò il David di Donatello come miglior film e gli valse una candidatura all'Oscar nella categoria "migliore sceneggiatura non originale".


Lo scandalo di "Ultimo tango a Parigi"

Nel 1972 girò "Ultimo tango a Parigi", una delle pellicole più discusse della storia sulla passione tra il vedovo Paul, interpretato da Marlon Brando, e una giovane di buona famiglia nella cornice di una Parigi indecifrabile. Il film fu sequestrato e costò al regista un processo per oltraggio al pudore. Oltre alla sentenza, "Ultimo tango a Parigi" valse a Bertolucci una fama internazionale che gli consentì di realizzare nel 1976 il dramma storico "Novecento" con Robert De Niro e Gerard Depardieu.


La notte degli Oscar

Bernardo Bertolucci è tutt'oggi l'unico italiano ad essersi aggiudicato il premio Oscar come miglior regista con "L'ultimo imperatore" nel 1987. Il film raccontava la storia di Pu Yi, ultimo sovrano cinese che dopo la prigionia, finì la sua vita facendo il giardiniere nell'orto botanico di Pechino. La notte di Hollywood fu indimenticabile per Bertolucci: La sua opera riuscì a portarsi a casa nove Oscar su nove candidature, tra cui quello come miglior film


Gli ultimi anni

L'ultimo lavoro del regista emiliano fu "Io e te", la trasposizione dell'omonimo romanzo di Ammaniti girata nel 2012. L'anno precedente il Festival di Cannes lo aveva onorato con la Palma d'oro alla carriera. La malattia lo ha tenuto lontano dalla macchina da presa e lo ha costretto fino ad oggi a vivere sulla sedia a rotelle.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea Camilleri
ROMA

Camilleri ricoverato in gravi condizioni

Lo scrittore è stato portato al Santo Spirito per un arresto cardiaco, i medici: "Condizioni critiche"
Konduga, il luogo dell'attentato
NIGERIA

Tre attentati suicidi di Boko Haram: decine di morti

Il gruppo fondamentalista ha colpito la città di Konduga, durante la proiezione di una partita
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
Francesco Totti in conferenza
ROMA

La verità di Totti: "Lascio ma non per colpa mia"

L'ex capitano spiega le sue ragioni: "Mai coinvolto in un progetto tecnico. Baldini? Uno dei due era di troppo"
La centrale di Arak
L€ATOMICA

Nucleare: l’accordo tra Usa e Iran non esiste più

Entro dieci giorni Teheran potrebbe produrre 300Kg di uranio
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio