DOMENICA 10 FEBBRAIO 2019, 10:30, IN TERRIS

Scampi alla busara: il piatto degli esuli giuliano-dalmati

La tradizione di un popolo perseguitato si mantiene anche grazie alla cucina

REDAZIONE
Scampi alla busara
Scampi alla busara
D

alla minestra di bobici al brodetto con seppioline e cozze, dalla granseola agli gnocchi ripieni di gulash. Ecco i piatti che gli esuli giuliani e dalmati hanno donato alla gastronomia italiana. Un vero e proprio patrimonio di sapori, sopravvissuto nella memoria di quei 350mila Italiani fuggiti dalle foibe e dalle persecuzioni della Jugoslavia titina, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale. Ad aggiudicarsi il posto d'onore sono però gli scampi alla busara  originari di Fiume e apprezzati già nel XIX secolo – un piatto semplice, un guazzetto, molto saporito e gustoso. Sull'origine del nome "busara" o buzara ci sono tante leggende: c'è chi lo attribuisce alla grossa pentola in ferro o in coccio utilizzata dai pescatori per preparare i pasti sui pescherecci, e chi invece associa questo nome alla parola "busiara" che in dialetto triestino significa imbroglio, bugia. Anche su questa interpretazione ci sono due diverse spiegazioni: secondo alcuni l'imbroglio è riferito al fatto che gli scampi sono coperti dal pomodoro, mentre secondo altri, la ricetta sarebbe bugiarda perchè in passato, i marinai, utilizzavano gli scarti di pesci e crostacei per prepararla, spacciando così per piatto raffinato una sorta di zuppa realizzata con avanzi. 


Ingredienti (per 4 persone)

Scampi - 1 kg
Spicchi di aglio - 3
Pprezzemolo - 1 ciuffo
Passata di pomodoro - 2 cucchiai da tavola
Pangrattato - 20 gr
Vino bianco - ¼ di litro
Olio extra vergine - 1 bicchiere
Sale q.b.
Paprika dolce - 1 cucchiaio da thè


Preparazione

Come prima cosa, soffriggete nell'olio gli spicchi d'aglio. Quando cominciano a scurirsi, eliminateli. Unite quindi all'olio bollente gli scampi puliti, lavati e asciugati. Sfumate il tutto con il vino e aggiungete la salsa di pomodoro. A questo punto, saltate, spolverate con la paprica, e a fine cottura (dopo circa 40 minuti), cospargete con un misto di pangrattato e prezzemolo tritato. Come servirli? Con un'ottima polenta abbrustolita. Buon appetito.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Sergio Mattarella
QUIRINALE

Via della Seta: Mattarella dice sì

Il capo dello Stato: "Accordo importante anche sul piano culturale". Ma invita anche a tutelare la sicurezza
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...
Il bus arso dal rogo e l'autista
SAN DONATO MILANESE

Autista da fuoco al bus, il pm: "Azione premeditata"

Il 47enne che ha minacciato 51 bambini ascoltato dagli inquirenti: "Il caso Mare Jonio la causa scatenante"