DOMENICA 10 FEBBRAIO 2019, 10:30, IN TERRIS

Scampi alla busara: il piatto degli esuli giuliano-dalmati

La tradizione di un popolo perseguitato si mantiene anche grazie alla cucina

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Scampi alla busara
Scampi alla busara
D

alla minestra di bobici al brodetto con seppioline e cozze, dalla granseola agli gnocchi ripieni di gulash. Ecco i piatti che gli esuli giuliani e dalmati hanno donato alla gastronomia italiana. Un vero e proprio patrimonio di sapori, sopravvissuto nella memoria di quei 350mila Italiani fuggiti dalle foibe e dalle persecuzioni della Jugoslavia titina, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale. Ad aggiudicarsi il posto d'onore sono però gli scampi alla busara  originari di Fiume e apprezzati già nel XIX secolo – un piatto semplice, un guazzetto, molto saporito e gustoso. Sull'origine del nome "busara" o buzara ci sono tante leggende: c'è chi lo attribuisce alla grossa pentola in ferro o in coccio utilizzata dai pescatori per preparare i pasti sui pescherecci, e chi invece associa questo nome alla parola "busiara" che in dialetto triestino significa imbroglio, bugia. Anche su questa interpretazione ci sono due diverse spiegazioni: secondo alcuni l'imbroglio è riferito al fatto che gli scampi sono coperti dal pomodoro, mentre secondo altri, la ricetta sarebbe bugiarda perchè in passato, i marinai, utilizzavano gli scarti di pesci e crostacei per prepararla, spacciando così per piatto raffinato una sorta di zuppa realizzata con avanzi. 


Ingredienti (per 4 persone)

Scampi - 1 kg
Spicchi di aglio - 3
Pprezzemolo - 1 ciuffo
Passata di pomodoro - 2 cucchiai da tavola
Pangrattato - 20 gr
Vino bianco - ¼ di litro
Olio extra vergine - 1 bicchiere
Sale q.b.
Paprika dolce - 1 cucchiaio da thè


Preparazione

Come prima cosa, soffriggete nell'olio gli spicchi d'aglio. Quando cominciano a scurirsi, eliminateli. Unite quindi all'olio bollente gli scampi puliti, lavati e asciugati. Sfumate il tutto con il vino e aggiungete la salsa di pomodoro. A questo punto, saltate, spolverate con la paprica, e a fine cottura (dopo circa 40 minuti), cospargete con un misto di pangrattato e prezzemolo tritato. Come servirli? Con un'ottima polenta abbrustolita. Buon appetito.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
Sassuolo-Roma 0-0. Under inseguito da Rogerio
SERIE A

Sassuolo-Roma a reti bianche: vince la contestazione

Tifosi giallorossi contro la società dopo il caso De Rossi. In coda pari Cagliari-Genoa, vince l'Udinese
Matteo Salvini al comizio milanese
EUROPEE

Salvini: "Non mi fermo davanti a niente e nessuno"

Al comizio dell'evento "Prima l'Italia, il buonsenso in Europa", il leader della Lega: "Qua non...
Passeggeri su un convoglio Trenord
MILANO

Maxi rissa in treno: 4 feriti

Tre gambiani e un senegalese sono finiti in ospedale
I soccorsi

Torino: anziano aggredisce donna incinta

L'uomo si è scagliato anche contro i carabinieri che lo stavano arrestando
Il camper della famiglia dopo il rogo
CONFESSIONE CHOC

Cagliari, la madre di Esperanza: "L'ho soffocata io"

Della bimba di 20 mesi si erano perse le tracce il 23 dicembre scorso