Venezuela, rivolta in carcere: 30 morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:50

Almeno 30 detenuti sono morti e 20 agenti sono stati feriti in una rivolta scoppiata nel carcere di Acarigua, nella zona occidentale di Caraca, in Venezuela. Lo rendono noto le autorità locali che riferiscono di pesanti scontri tra detenuti e la polizia che avrebbe tentato di fermare un tentativo di evasione di massa, come spiegato dal capo della polizia, Oscar Valero. Secondo la sua ricostruzione, i carcerati hanno lanciato “una pioggia di proiettili” e fatto esplodere tre granate contro la polizia e, tra i prigionieri uccisi, ci sarebbe anche uno dei leader della rivolta Wilfredo Ramos.

La ong

Diversa la versione della Ong “Observatorio Venezolano de Prisiones”, secondo cui la rivolta è scattata dopo la morte di un detenuto avvenuta un giorno fa e dopo che le forze dell'ordine hanno fatto irruzione nella prigione e portato via mogli e fidanzate dei detenuti in visita. I detenuti avrebbero richiesto da settimane di essere trasferiti in altre prigioni nel Paese perché, sempre secondo quanto riporta la ong, il cibo è scarso e avrebbero spesso denunciato situazioni di abuso. Il carcere di Acarigua, creato per ospitare 60 detenuti, ne accoglie 500. La protesta per le condizioni delle prigioni in Venezuela sono sfociate in diverse rivolte interne e numerosi sono stati negli anni gli appelli internazionali per il rispetto dei diritti umani. 

Venezuela, massacro in carcere: 37 morti

“Io, inviata in Venezuela, vi racconto cosa ho visto”. Marilù Lucrezio (Tg1): “Popolo diviso fra Guaidò e Maduro. Che strazio negli ospedali…”

“Così moriamo in Venezuela”. Intervista al dott. Leombruni, presidente dell’Associazione Latinoamericana in Italia

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.