Vasto incendio nel bellunese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15

Paura nel bellunese, dove un vasto incendio si è sviluppato nella serata di lunedì nella frazione Piaia di San Tomaso Agordino, attaccando più abitazioni. Secondo le prime informazione non vi sarebbero feriti né intossicati. Le fiamme hanno raggiunto finora sei edifici, tra cui due fienili e quattro abitazioni. I vigili del fuoco, intervenuti con una trentina di uomini e 14 mezzi, stanno lavorando intensamente per evitare che il fuoco si propaghi ulteriormente. Con loro sono impegnate anche alcune squadre di volontari.

Il comunicato

“Tre fienili e due abitazioni danneggiate dalle fiamme – informano i Vigili del fuoco sul comunicato – questo il bilancio dell’incendio divampato poco prima delle 20 di lunedì nella frazione di Piaia a San Tomaso Agordino. I pompieri accorsi da Agordo e Belluno con i permanenti e con tutti i corpi dei volontari dell’Agordino, sono riusciti non senza difficoltà a spegnere le fiamme e salvare il borgo, scoppiata una bombola di Gpl , che si trovava all'interno di una delle due abitazioni. Il proprietario di uno dei fienili è rimasto leggermente ustionato. L’uomo è stato medicato e poi dimesso dal pronto soccorso. Sul posto hanno operato oltre trenta operatori e 14 automezzi, coordinati dal vice comandante di Belluno Fabio Calore. Le difficoltà maggiore per gli operatori la strada molto stretta per arrivare sul luogo e l’approvvigionamento dell’acqua a causa delle condotte danneggiate dall’alluvione nei mesi scorsi. Durante la notte sono poi proseguite le operazioni di bonifica dei fienili e delle abitazioni danneggiati dalle fiamme che continuano anche questa mattina”.
   

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.