Ucciso il politico cristiano che voleva i migranti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:18

Nel 2015, durante la crisi dei migranti, era passato alle cronache per le sue posizioni sull’accoglienza entrando in rotta di collisione con i movimenti di estrema destra tedeschi. Domenica notte, Walter Lübcke, presidente del governo regionale di Kassel ed esponente del partito Unione Cristiano-Democratica di Germania (Cdu) è stato ucciso sul terrazzo della sua abitazione. 

I fatti

Il corpo del politico sessantacinquenne è stato ritrovato nella sua casa a Wolfhagen, nell'Assia, poco dopo la mezzanotte di domenica. A causare la morte di Lübcke sarebbe stato un colpo di pistola di piccolo calibro, esploso a pochi metri di distanza. L’arma non è stata ancora trovata. Gli inquirenti escludono l’eventualità di un suicidio anche se, al momento, “non c'è ancora nessuna prova di un colpevole o di un movente”.  

La crisi dei migranti

Lübcke era stato al centro delle cronache in Germania quando nel 2015 si era schierato in maniera esplicita a favore dell’accoglienza dei migranti e rifugiati: “Chi non condivide questi valori può lasciare la Germania in ogni momento. Questa è la libertà di ogni tedesco”, dichiarò alla stampa. Parole che lo fecero entrare in rotta di collisione con Pegida, la formazione di ultradestra sulla difesa dei valori cristiani.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.