Uccisa dalla nuora

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:12

Un nome e un volto per l'omicidio di Simonetta Gaggioli, 76 anni, trovata morta mesi fa su un ciglio di una strada, dentro un sacco avvolto poi da una coperta, in provincia di Livorno. Secondo i carabinieri, Pereira Gomes avrebbe ucciso la donna con un cocktail di farmaci. Dagli esami tossicologici eseguiti su Maria Gaggioli, infatti, sarebbe stata rilevata l'assunzione di una dose 10 volte superiore alla prescrizione di amlodipina, principio attivo contro l'ipertensione che la donna assumeva dietro regolare ricetta insieme ad un ansiolitico, Alprazolam, che invece è stato rinvenuto in dosi 20 volte superiori. La Gomes era già indagata insieme al figlio della vittima Filipo Andreani, disoccupato.

Il possibile movente

Sempre secondo quanto è emerso dalle indagini, a far scattare l'omicidio sarebbe stato un clima di rapporti conflittuali della nuora con la vittima dettati anche dalla coabitazione in un appartamento di 60 metri quadri dei tre adulti, più altrettanti figli minori, e forse dal fatto che, ipotizzano gli investigatori, la nuora voleva portare la famiglia a vivere definitivamente in Brasile. Anche quando abitavano a Follonica, prima di trasferirsi nell'appartamento in affitto a Riotorto, si erano già manifestati problemi di coabitazione con alcuni interventi dei carabinieri.

Dalla scomparsa alla morte

Il corpo senza vita della donna è stato ritrovato il 3 agosto scorso da un passante ed era in stato di decomposizione. Simonetta Gaggioli era scomparsa da qualche giorno.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.