Tre evasi da Favignana, uno è un ergastolano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:01

Come in un film d'azione. Tre uomini sono evasi intorno alle 2 di stanotte dal carcere “Giuseppe Barraco” dell'isola di Favignana (in provincia di Trapani, in Sicilia) calandosi con delle lenzuola dopo aver segato le sbarre. La notizia è stata confermata dalla direzione del penitenziario.

Controlli scrupolosi

Secondo Renato Persico, direttore della Casa di reclusione, il penitenziario non ha vigilanza sul muro di cinta. Attualmente, i 46 detenuti “ospitati” sono tutti ubicati al secondo piano del carcere, perchè il primo non è in funzione. “Sembrerebbe – dice il direttore – che il loro sia stato un lavoro fatto in brevissimo tempo. I controlli erano stati eseguiti da un agente molto scrupoloso ieri alle 16 ed era tutto a posto”.

Gli evasi

Fra i tre protagonisti della rocambolesca fuga, ci sarebbe anche un ergastolano, Adriano Avolese, originario di Pachino, nel Siracusano. Gli altri due fuggitivi sono invece di Vittoria (Ragusa); si tratta di Giuseppe Scardino e Massimo Mangione; avrebbero dovuto finire di scontare la pena rispettivamente nel 2032 e nel 2037.

Pene pesanti

Tutti e tre avevano pene pesanti da scontare. Il 36enne ergastolano uccise nel 2002 a Pachino (Sr) il 24enne Sebastiano Di Rosa, come vendetta trasversale nei confronti del fratello della vittima, Salvatore, che avrebbe insidiato la moglie. Secondo le indagini della polizia, Sebastiano fu picchiato a morte con pugni, calci e colpi di bastone; il suo corpo venne poi gettato in un appezzamento di terreno e dato alle fiamme.

Giuseppe Scardino 41 anni, deve scontare una pena di oltre 15 anni di reclusione per una serie di rapine violente commesse tra il 2006 e il 2007 e per il tentato omicidio di un poliziotto a Scoglitti (Rg). Scardino era complice del terzo evaso, il 37enne Massimo Mangione, condannato a 12 anni e 8 mesi per rapina violenta: sparò all'impazzata nel centro di Scoglitti ferendo una donna per sfuggire ai poliziotti. Tentò anche di uccidere uno dei poliziotto sparandogli alla tempia, ma la pistola s'inceppò.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.