Tragedia familiare in un santuario scintoista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30

Tragedia in Giappone, dove un uomo ha ucciso sua sorella e la sua compagna in quello che secondo gli investigatori sarebbe un regolamento di conti in ambito familiare

L'omicidio suicidio

A compiere la strage sarebbe stato il 56enne Shigenaga Tomioka che avrebbe attaccato la sorella maggiore Nagako, capo sacerdote al santuario di Hachimagu, appena scesa dall'automobile. L'omicida era accompagnato dalla sua compagna – di età compresa intorno ai 30 anni – che brandiva una spada da samurai. L'autista della sacerdotessa è stato inseguito e ferito alla spalla con la spada, ma secondo quanto riferito dagli inquirenti, le sue condizioni non sono critiche. Dopo aver ucciso la sorella, l'uomo ha pugnalato la sua compagna al petto e allo stomaco e poi si è tolto la vita

Ipotesi di un regolamento di conti in ambito familiare

Secondo quanto riferito dlle autorità che sono intervenute sul luogo della tragedia, poco prima dell'incidente si erano registrati dei diverbi tra i due fratelli. La polizia, che ha rinvenuto sulla scena del crimine una spada da samurai e due coltelli da sopravvivenza, ha interrogato il personale del luogo di culto per cercare di fare chiarezza sull'accaduto. Il santuario di Hachimagu, antico di 400 anni, è situato a poca distanza dalla stazione di Monzennakacho ed è famoso per il festival estivo e per le miniature dorate portatili. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.