MERCOLEDÌ 04 DICEMBRE 2019, 00:20, IN TERRIS

L'INDAGINE

Tragedia del Rigopiano, archiviazione per 22 indagati

Lo ha deciso il gip di Pescara, ci sono anche tre ex governatori dell'Abruzzo. Nel disastro morirono 29 persone

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Due Vigili del fuoco davanti all'hotel sommerso dalla neve
Due Vigili del fuoco davanti all'hotel sommerso dalla neve
S

i sfoltisce sensibilmente l'elenco degli indagati per la tragedia dell'Hotel Rigopiano, il resort abruzzese di Farindola travolto da una slavina il 18 gennaio 2017. Un disastro che vide 29 vittime complessive e una lunghissima scia polemica sulla tempestività dell'emergenza segnalata ai gestori dell'hotel, di fatto isolato dalle abbondanti nevicate che avevano investito in quei giorni il Centro Italia e, infine, sommerso quasi interamente da neve e detriti venuti giù dai costoni del vicino Monte Siella: 9 persone furono estratte vive dalle macerie, altre due si salvarono perché, in quel momento, fuori dalla struttura. Furono loro i primi a dare l'allarme. Ora, a distanza di quasi tre anni, l'inchiesta subisce una svolta improvvisa visto che il gip del Tribunale di Pescara, Nicola Colantonio, ha disposto l'archiviazione di 22 indagati nel filone principale sul disastro del Rigopiano.


Posizioni archiviate

In base a quanto stabilito dal giudice, decadono definitivamente le posizioni di Luciano D'Alfonso, Ottaviano Del Turco e Gianni Chiodi, tutti ex presidenti della Regione Abruzzo, dell'ex sottosegretario alla Giustizia Federica Chiavaroli e della funzionaria della Protezione Civile Tiziana Caputi. Fuori dal processo anche l'ex vicepresidente della Regione Abruzzo Enrico Paolini, l'ex direttore generale Cristina Gerardis e Giovanni Savini, direttore del Dipartimento di protezione civile per tre mesi nel 2014; archiviate le posizioni anche degli assessori alla Protezione civile, Tommaso Ginoble, Daniela Stati, Mahmoud Srour, Gianfranco Giuliante e Mario Mazzocca. E ancora, Silvio Liberatore, responsabile della sala operativa della Protezione civile; Antonio Iovino, dirigente del servizio di Programmazione di attività della Protezione; Vittorio Di Biase, direttore del Dipartimento opere pubbliche fino al 2015; Vincenzino Lupi, responsabile del 118.


La motivazione

Secondo quanto riportato dal gip nel provvedimento relativo all'archiviazione in relazione a uno degli ex governatori dell'Abruzzo, "risulta accertato che D'Alfonso, effettivamente, partecipava alle attività del Core coordinando le attività presso la Sala della Giunta della Provincia di Pescara nella riunione che veniva attivata dalle ore 15.30 del 18 gennaio 2017. In sostanza, può affermarsi che nessun inadempimento, o ritardo, può rivelarsi nella valutazione della tempistica di attivazione del Core, da parte dei soggetti responsabili, in conseguenza del verificarsi degli eventi sismici del 18 gennaio 2017". Delusione fra le famiglie delle vittime: "Comincio a pensare che alla fine la colpa sarà di chi stava in hotel - scrive il padre di una di loro -, di chi lavorava a Rigopiano e di chi c'è andato in vacanza".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sagra paesana
TORINO

Sgominata banda dell'ammoniaca: 5 arresti

Rubavano nelle abitazioni usando uno spray per neutralizzare gli animali di guardia
La casa il giorno del rogo
FERMO

Bimba morta nel rogo in casa: madre fermata per omicidio

La donna avrebbe ucciso la figlia maggiore e abbandonato il corpo tra le fiamme per coprire le prove
Il nuovo leader dell'Isis
TERRORISMO

L'Isis annuncia il nuovo leader: è il "Califfo" Abu Ibrahim

Guidò la persecuzione sulla minoranza yazidi in Iraq. Su di lui una taglia da 5 milioni di dollari
L'epicentro del sisma
PUGLIA

Terremoto 3.6 nel foggiano

Due scosse di lieve entità nella notte anche in provincia di Bologna
SBARCHI

A processo per la nave Gregoretti, la sfida di Salvini

Il leader leghista: "Sono il primo politico che chiede di essere processato"
WELFARE E ISTRUZIONE

Un'impresa su 3 è guidata da donne

E’ la fotografia delle aziende scattata dall’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di...
VIVERE IN CITTÀ

Se vivi a Roma 254 ore all'anno le passi nel traffico

La Global card scorecard di Inrix pubblica l'analisi dei trend della mobilità e della congestione urbana in 200...
SALUTE

Il virus misterioso che spaventa la Cina

Accertata la terza vittima, 140 i nuovi casi di contagio
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale
RESTAURO

Gli ambulatori delle bambole antiche

Attraverso l'artigianato tornano in vita i ricordi: botteghe specializzate in tutta Italia
POLITICA

Il caso Gregoretti, oggi la decisione

Dal caso Gregoretti al taglio del cuneo fiscale, passando per le sardine in piazza: l'inizio della settimana politica
Un momento degli scontri a sud di Tripoli - Foto © Abdullah Doma per AFP
SCONTRI

Libia, fragile cessate il fuoco. L'Ue invita alla calma

Il vertice di Berlino non spegne le ostilità a sud di Tripoli
Brad Pitt e Jennifer Aniston ai SAG Awards 2020
HOLLYWOOD

Ai Sag "Parasite" fa la storia: vince come "straniero" e "miglior film"

Ma a fare davvero notizia è la reunion di Brad e Jennifer. Vincono anche Phoenix, Zellwegger e Dern
Il blitz nel quartiere romano di San Basilio
SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Maxi blitz anti droga a San Basilio: 21 arresti

Legami anche con la 'ndrina calabrese Marando di Platì