MERCOLEDÌ 27 SETTEMBRE 2017, 12:39, IN TERRIS

Tragedia a Roma: muore dopo trapianto di cuore

Il fatto all'ospedale San Camillo. L'organo era stato espiantato al San Raffaele di Milano da un paziente che aveva avuto un infarto. Aperta un'inchiesta

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici

Un uomo cardiopatico è morto all'ospedale San Camillo di Roma dopo il trapianto di un cuore, forse già malato, arrivato dall'ospedale milanese San Raffaele.


Aperta un'inchiesta

Sulla vicenda è stata aperta un'inchiesta a Roma, passata a Milano per competenza territoriale perché è dal capoluogo lombardo che si sarebbe consumato l'eventuale errore medico. Il fascicolo è ancora a carico di ignoti.


Le reazioni di San Raffaele e Centro nazionale trapianti

"Stiamo compiendo verifiche interne per ricostruire l'accaduto e mettendo insieme gli elementi della vicenda" - affermano dal San Raffaele, mentre dal Centro nazionale trapianti, assicurano che "tutte le procedure sono state rispettate e l'organo, dopo gli esami, è risultato idoneo al trapianto".

"Il cuore trapiantato nell'uomo che è deceduto dopo un trapianto dalla coronarografia era risultato normale, cioè nelle condizioni di essere trapiantato", spiega il direttore del Centro nazionale trapianti, Alessandro Nanni Costa.


L'intervento del Ministero

Sulla vicenda è intervenuta Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, sottolineando che "è inaccettabile morire dopo un trapianto di cuore". Il ministro annuncia "immediate procedure di controllo e verifica" sul caso.

Intervistata da Radio Capital, la Lorenzin ha aggiunto: "Mi sembra uno di quegli errori tragici, ma anche inaccettabili. Vedremo se ci sono state delle falle e agiremo di conseguenza".


Espianto e trapianto

Il paziente da cui è stato espiantato il cuore è un cinquantenne, morto dopo un malore in una piscina di Milano. Dopo il primo arresto cardiaco, i medici sono riusciti a far ripartire il battito ma ciò non è bastato a salvargli la vita. A causare il decesso dell'uomo erano stati i danni cerebrali.

L'uomo aveva dato il suo consenso alla donazione, così è partito subito l'iter per l'espianto e il trasferimento in elicottero a Roma, al San Camillo, dove è stato trapiantato a un sessantenne, il quale è morto due giorni dopo per insufficienza cardiaca.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Matteo Renzi, Ignazio La Russa, Anna Maria Bernini ed Emma Bonino
CRISI DI GOVERNO

Tra voto e nuovo governo: il dibattito in Senato

Si susseguono gli interventi dei rappresentanti politici dopo i discorsi di Conte e Salvini
ISTRUZIONE

A rischio il ritorno dell'educazione civica a scuola

La legge non è ancora in Gazzetta ufficiale. La soluzione in extremis, pubblicarla e farla valere dalla riapertura...
Mario Balotelli durante la presentazione
SERIE A

La grande chance per Balotelli

La familiarità dell'ambiente di Brescia e il sogno Azzurro: un'opportunità per il rilancio definitivo
La nave militare Audaz messa a disposizione del Governo spagnolo
MAR MEDITERRANEO

Open Arms, la nave militare spagnola in soccorso dei migranti

La decisione presa dopo che alcuni profughi si sono buttati in acqua
MIGRANTI

Barca capovolta davanti la Libia, forse 100 vittime

La segnalazione è stata lanciata da Alarm Phone
Via del Colosseo a Roma
CENTRO STORICO

Affittopoli, la fake dei rincari: casa al Colosseo a 133 euro

Castiglione: "Vogliamo restituire queste risorse alla comunità"
ESECUTIVO IN CRISI

Governo, il giorno della verità

L'intervento di Conte e le mosse politiche
Proteste a Hong Kong
WEB

Hong Kong, rimossi account fake contro la protesta

Twitter e Facebook bannano gruppi e pagine che sarebbero stati creati dalla Cina per screditare i manifestanti