Tragedia a Mirabilandia: muore un bimbo di 4 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:16

Una tragedia nel parco divertimenti di Mirabilandia, a Ravenna, dove un bambino di 4 anni è morto probabilmente vittima di un annegamento nell'attrazione Mirabeach, all'interno della struttura. L'area, che ospita alcune piscine, si è trasformata nello scenario di un dramma quando alcuni addetti al salvataggio hanno visto il bimbo a faccia in giù nella'acqua e, immediatamente, si sono precipitati per soccorrerlo tentando di eseguire le manovre di rianimazione: il piccolo, già in gravissime condizioni, è deceduto mentre i sanitari del 118 lo stavano trasportando in ospedale a Ravenna con un elicottero. Sul posto, nel frattempo, erano giunti i Carabinieri per eseguire le prime indagini sulla tragedia.

Soccorsi vani

Non è chiaro al momento cosa sia accaduto in quei terribili istanti: sicuramente, stando a quanto riportato, i soccorsi sono stati tempestivi, con uno dei bagnini accorso subito per tentare la rianimazione e il medico permanente interno a Mirabilandia che ha eseguito ulteriori manovre di emergenza per tentare di far riprendere l'attività cardiaca. Dopo pochi minuti sono arrivati anche un'ambulanza e un elicottero per il trasposrto d'urgenza, tentativi purtroppo risultati tutti vani. In attesa degli sviluppi dell'indagine, gli inquirenti ipotizzano che la causa della morte del piccolo sia stata proprio l'annegamento. Si tratta della seconda tragedia in poco più di dieci anni che ha colpito il famoso parco divertimenti: nel 2008, infatti, un 28enne di origine maghrebina era deceduto investito dal treno di sedili dell'attrazione Katun, dopo che aveva scavalcato le barriere di recinzione non accorgendosi che il convoglio stava sopraggiungendo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.