MARTEDÌ 20 GIUGNO 2017, 13:33, IN TERRIS

Torturava e uccideva le sue vittime, arrestato 25enne nigeriano in Calabria

Ad incastrare il nigeriano, sono stati i racconti di alcuni migranti che sono di recente sbarcati sulle coste italiane

REDAZIONE
Torturava e uccideva le sue vittime, arrestato 25enne nigeriano in Calabria
Torturava e uccideva le sue vittime, arrestato 25enne nigeriano in Calabria
Si chiama John Ogais, il nigeriano di 25 anni arrestato dalla polizia di Agrigento. l'uomo è accusato di far parte di un'organizzazione criminale che gestiva la tratta dei migranti tra la Libia e la Sicilia, di sequestro di persona, di violenza sessuale, omicidio aggravato  favoreggiamento di immigrazione clandestina. Inoltre, sarebbe responsabile di torture e sevizie compiute nella prigione di "Ali il Libico", un altro componente dell'associazione criminale, dove i migranti aspettavano il loro turno per salire sui barconi per affrontare la traversata del Mediterraneo.

Sevizie, torture e omicidi


Ogais era conosciuto come "Rambo" e, per lui, le manette sono scattate mentre si trovava nel Casa "S. Anna" di Isola Capo Rizzuto, in Calabria. Secondo la Squadra mobile di Agrigento, diretta da Giovanni Minardi, Ogais sarebbe uno dei complici di Sam Eric Ackom, il ghanese arrestato lo scorso marzo dalla Squadra Mobile di Agrigento. Ad incastrare il nigeriano, sono stati i racconti di alcuni migranti che sono di recente sbarcati sulle coste italiane: mentre erano in Libia, hanno assistito al pestaggio, fino alla morte, di due giovani. Un'altro profugo ha raccontato di essere stato rinchiuso in una struttura nel deserto, il cosiddetto ghetto di Ali il Libico, dove è stato minacciato anche con armi da fuoco. Lo scopo di "Rambo" era quello di intimorirli a tal punto da costringerli a pagare, grazie all'aiuto delle famiglie, una sorta di riscatto necessario per la loro liberazione. Il nigeriano ha anche costretto le donne a prestazioni sessuali.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Luca Pasquaretta, portavoce della sindaca Appendino
TORINO | MAXISCHERMO A PARCO DORA

Avviso di garanzia per il portavoce della sindaca Appendino

Gli accertamenti sono collegati alla maxi-inchiesta sui fatti di piazza San Carlo
Gianfranco Fini ed Elisabbetta Tulliani
RICICLAGGIO

Chiesto il rinvio a giudizio per Fini e Tulliani

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per l'ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, accusato di...
Scena del film
CINEMA

Un film toglie il velo sull'utero in affitto

Programmazione a Roma de "Il figlio sospeso" del regista Egidio Termine
Sonda alla ricerca di asteroidi
RICERCA

Nasa, è caccia agli asteroidi

In estate le sonde americane e giapponesi raggiungeranno i "sassi cosmici" Bennu e Ryugu
Indagano i carabinieri
CAVA DE' TIRRENI

Lite tra coniugi, morta la moglie

Grave il marito. Da chiarire se sia un caso di omicidio-suicidio o un reciproco accoltellamento
Polizia thailandese
THAILANDIA

Italiano smembrato e dato alle fiamme

La polizia conferma che si tratta di un 62enne di Sondrio. Ricercati l'ex moglie e il suo amante
Abuso su minore
CASSINO

Suicida l'agente penitenziario accusato di abusi alla figlia

La 14enne aveva parlato degli stupri in un tema scolastico
Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan
ELEZIONI 2018

Renzi: "Ho chiesto a Padoan di candidarsi a Siena"

"La partita non si gioca solo sulle coalizioni"
Taxi a Milano
MILANO

Tassista abusivo arrestato per 2 stupri

Sembra che il fermato non abbia precedenti penali
Il Senato Usa
USA

Shutdown: manca l'accordo, uffici ancora fermi

Oggi nuovo voto in Senato per superare l'impasse. Trump propone di cambiare le regole
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont è a Copenaghen: rischia l'arresto

Il leader indipendentista in Danimarca: la Spagna chiede un mandato europeo
Angela Merkel e Martin Shulz

Grosse Koalition

Sembra tutto pronto per una riedizione della Gross koalition in Germania tra i socialdemocratici del Spd e i...