Torino, violenta in strada una 17enne: arrestato richiedente asilo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25

E’ stato accusato da una 17enne rom di averla stuprata, per questo un richiedente asilo di 42 anni, di nazionalità nigeriana, è stato arrestato a Rivalta, comune della cintura di Torino.

L’aggressione

La violenza sessuale, secondo quanto riferito dalla giovane donna, sarebbe avvenuta nella giornata di martedì, in pieno giorno. La ragazza ha raccontato che l’uomo l’ha obbligata a seguirlo in una zona appartata, dove poi l’ha violentata. Dopo essere riuscita a sfuggire al suo aguzzino, la 17enne ha cercato rifugio in un negozio, da dove ha anche chiamato le forze dell’ordine. Il nigeriano è stato arrestato poco dopo su un autobus.

Le indagini

La ragazza è stata accompagnata in ospedale per ricevere le cure del caso e poi è stata ospitata in una struttura protetta. Intanto, però, gli agenti stanno svolgendo le indagini per controllare la veridicità delle accuse della donna contro il richiedente asilo. questa mattina è stata ascoltata dal pm titolare dell’inchiesta.

De Ruggiero: “Episodio inqualificabile”

“Un episodio inqualificabile. Uno dei crimini più terribili e umilianti che feriscono il corpo e l’anima delle persone”. Il sindaco di Rivalta, Nicola de Ruggiero, commenta così l’arresto di un nigeriano di 42 anni accusato di violenza sessuale da una 17enne. “La nostra comunità si stringe accanto alla povera vittima – aggiunge il primo cittadino – e chiede che la giustizia faccia il suo corso in maniera rapida e severa”. Il sindaco de Ruggiero “ringrazia il Corpo della Polizia Municipale di Rivalta e i carabinieri di Orbassano per la professionalità e l’umanità con cui hanno condotto la vicenda”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.