LUNEDÌ 11 MARZO 2019, 21:48, IN TERRIS


PRATO

Test del dna: il figlio della prof è dell'allievo

I risultati avrebbero confermato i sospetti: la donna avrebbe concepito il bimbo con un 15enne al quale dava ripetizioni

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Polizia
Polizia
P

are esserci una svolta nelle indagini sui fatti Prato, dove una 35enne è stata accusata di presunti atti sessuali assieme a un minore: i test del dna effettuati sul bimbo nato nell'autunno 2018 proprio dalla donna, avrebbero infatti dimostrato che la paternità sarebbe da attribuire a un 15enne, con il quale lei avrebbe avuto una relazione. Il consenso al prelievo era stato dato dalla donna nella giornata di venerdì e, secondo gli inquirenti, il test rappresentava la chiave per comprendere quali fossero i rapporti intrattenuti fra lei e il ragazzo che, nel 2017, la incontrava per avere ripetizioni di inglese. Le indagini sono coordinate dai pm Lorenzo Gestri e Lorenzo Boscagli e, solo qualche ora fa, hanno ascoltato la donna nel corso di un interrogatorio secretato: i risultati del test, a ogni modo, avrebbero confermato quanto già ipotizzato, ovvero che il bimbo (ora di 5 mesi) sarebbe nato dalla relazione con l'adolescente che, all'epoca dei fatti, non aveva ancora 14 anni.


Il caso

La 35enne di professione è infermiere e, in mattinata, uno dei suoi avvocati aveva spiegato che "la verità dei fatti secondo noi prescinde da questo risultato ed è per questo che abbiamo chiesto che sia sentita subito dagli investigatori". In Procura, la donna si era recata con suo marito (il quale ha peraltro riconosciuto il bambino) facendo richiesta, tramite i suoi legali, di poter fare dichiarazioni spontanee ma, al termine del colloquio, i contenuti sono stati per l'appunto secretati dagli investigatori. All’interrogatorio, assieme ai due sostituti procuratori titolari dell’inchiesta, ha partecipato anche il capo della squadra mobile Gianluca Aurilia, incaricato di coordinare l'indagine. L'inizio della vicenda risale a un paio di settimane fa, quando la famiglia del ragazzo aveva sporto denuncia nei confronti della donna che, a quanto sembra, avrebbe fatto presente al 15enne la nascita del bambino, provocando una crisi tale da spingerlo ad aprirsi con i genitori. La famiglia si è per questo attivata con una querela, riferendo tutto alla Polizia che, nel frattempo, ha posto al vaglio i contenuti dei cellulari delle persone coinvolte, allo scopo di ricostruire con maggiore chiarezza la vicenda.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un robot in esposizione alla fiera di Roma - Foto © Maker Faire Rome
NUOVE FRONTIERE

Idee per le aziende 4.0

In fiera a Roma l'innovazione tecnologica che cambia l’economia
Migranti al porto
MIGRANTI

In Ottobre sbarcate in Italia 762 persone

Viminale: da inizio anno sono 8.395 i migranti giunti sulle nostre coste
Bimbo davanti al pc
FIRENZE

Un "patentino digitale" contro i pericoli del web

Pensato per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado e i loro familiari
Carabinieri
CAMPANIA

Camorra: 23 arresti ad Avellino

Smantellato il clan Partenio, l'operazione ha visto impegnati 250 militari dell'Arma
Bambino indigeno
SINODO AMAZZONIA

Focsiv, incontro a Roma con i leader dei popoli indigeni

"Difendere l’Amazzonia è difendere il diritto allo sviluppo umano integrale"

A quando l'Europa leader mondiale!

Dopo gli attacchi sferrati in questi ultimi anni contro la Unione Europea da parte degli euroscettici quando non da...
Le scarpe rosse, simbolo della protesta contro i maltrattamenti sulle donne
VIOLENZA SULLE DONNE

Lei lo vuole lasciare, lui la picchia a sangue

Massacra di botte la compagna, arrestato un moldavo nel Ferrarese. Boom di casi sommersi
Hevrin Khalaf, l'attivista siriana uccisa in un agguato nel nord-est della Siria
VICINO ORIENTE

Siria, uccisa l'attivista Khalaf

Morto anche un giornalista non lontano dal fronte. Si teme un ritorno dell'Isis
Un momento delle proteste degli ultimi giorni per le strade di Quito - Foto © AFP
AMERICA LATINA

Ecuador, i giorni degli scontri

Clima di guerra nelle strade di Quito. Si cerca la via del dialogo fra il presidente Moreno e i leader indigeni
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte - Foto © AFP
POLITICA

Zanda (Pd): "Il premier chiarisca sul Russiagate"

In attesa della sua audizione al Copasir, nella maggioranza si chiede a Giuseppe Conte di "rassicurare l'opinione...
Foto di repertorio - Foto © Corriere Etneo
LA TRAGEDIA

Incidente stradale, morti quattro giovani

L'auto si schianta contro un guardrail nel Catanese. Il gruppo ritornava da una serata in discoteca
EMERGENZE DIMENTICATE

Senza sicurezza lavorare uccide

Nella 69° Giornata per le vittime del lavoro, manifestazioni e convegni per fermare la “strage silenziosa”