SABATO 22 APRILE 2017, 11:04, IN TERRIS

Telefonano ai vigili del fuoco: "Correte, brucia tutto". E lanciano il figlio nel vuoto

Incendio in un appartamento nell'entroterra di Genova: famiglia costretta a saltare per sfuggire alle fiamme. Il bambino è grave

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Telefonano ai vigili del fuoco:
Telefonano ai vigili del fuoco: "Correte, brucia tutto". E lanciano il figlio nel vuoto
Drammatico incendio a Casella, nell'entroterra di Genova: nella notte il fuoco ha avvolto un appartamento al secondo piano di uno stabile in cui dormiva una coppia con il figlio di sette anni. Per salvarsi, i genitori hanno lanciato il bambino ai primi soccorritori e poi si sono gettati a loro volta.

Tutto è cominciato intorno alle 3 quando Vincenza Sansone, 50 anni, originaria di Palermo, ha chiamato i vigili del fuoco. Una telefonata disperata: "Correte, qui brucia tutto". Il marito, Alessio Fraietta, 49 anni, ha avvolto il figlio Giuseppe in una coperta ma mentre si stava calando dalla finestra per sfuggire alle fiamme è stato costretto a lanciare il piccolo verso i primi soccorritori. Nella caduta il piccolo ha riportato alcune contusioni ma a causa del fumo che ha respirato è stato trasferito in codice rosso all'ospedale pediatrico Gaslini di Genova, con prognosi riservata. Meno gravi le condizioni del padre, che si è lanciato da circa 5 metri e ha riportato una frattura, e della madre, ricoverata in codice giallo: la sua caduta è stata attutita da un filo per stendere la biancheria e ha riportato solo alcune ustioni.

L'abitazione della famiglia era all'ultimo piano di un palazzina di due piani. Il solaio a causa dell'incendio è crollato distruggendo i due appartamenti sottostanti: uno era sfitto, l'altro è occupato da un'anziana che però non era in casa perché era andata a dormire dalla figlia. Al pianterreno dell'edificio invece ci sono alcuni negozi fra cui un bar. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco da Busalla e dalla centrale di Genova, con dispositivi autoprotettori per addentrarsi nella palazzina invasa dal fumo, oltre a uomini della Protezione civile. I soccorritori hanno fatto appena in tempo ad allontanarsi prima che si verificasse il crollo. Secondo le prime indagini, a innescare il rogo sarebbe stata una stufetta a legna della famiglia Fraietta.
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali
Carabinieri del Ros in azione
GIARDINI NAXOS

Ndrangheta: arrestato il latitante Riitano

Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro