Talco e cancro: stangata a Johnson & Johnson

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:54

Stangata della giustizia Usa su Johnson & Johnson. La nota multinazionale farmaceutica dovrà pagare 4,7 miliardi di dollari fra danni compensativi e punitivi alle donne che la considerano responsabile del cancro alle ovaie da cui sono state colpite per la presenza di absesto (amianto) nel talco. 

Decisione

A deciderlo una giuria di St. Louis al termine di un processo durato cinque settimane durante il quale ha avuto modo di ascoltare decine di esperti. Johnson & Johnson, però, non ci sta e annuncia che farà appello. Il verdetto ''è il prodotto di un processo fondamentalmente ingiusto'' afferma Carol Goodrich, portavoce di J&J. I prodotti della società non contengono asbesto e non causano cancro alle ovaie”, aggiunge Goodrich, prevedendo che il verdetto sarà capovolto. ''I diversi errori presenti in questo processo sono stati peggiori di quelli nei precedenti processi che sono poi stati capovolti''.

I danni

La giuria di St. Louis ha stabilito prima i danni compensativi, fissandoli a 550 milioni di dollari, ovvero circa 25 milioni per ognuna delle 22 donne rappresentate nel caso. Poi, dopo essersi riunita nuovamente per un'ora, ha deliberato i danni punitivi quantificandoli in 4,14 miliardi, portando così il totale a 4,69 miliardi di dollari. Nel corso del processo il legale delle 22 donne che hanno rivelato di essere affette di cancro alle ovaie ha usato parole dure contro J&J: “Sapeva che i suoi prodotti al talco contenevano asbesto e ha nascosto l'informazione al pubblico, difendendo l'immagine del borotalco per bambini come la 'sua mucca sacra'. J&J ha truccato i test per evitare di mostrare la presenza di asbesto”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.