LUNEDÌ 14 NOVEMBRE 2016, 16:50, IN TERRIS

Sudan: arrestato Moez Fezzani, reclutatore dell'Isis in Italia

Era ricercato dalla Tunisia, per l'organizzazione degli attentati al Museo del Bardo e all'Hotel Imperial di Sousse.

REDAZIONE
Sudan: arrestato Moez Fezzani, reclutatore dell'Isis in Italia
Sudan: arrestato Moez Fezzani, reclutatore dell'Isis in Italia
E' stato arrestato in Sudan il terrorista di origini tunisine, Moez Fezzani, meglio conosciuto come Abu Nassim. L'uomo è considerato uno dei maggiori reclutatori dell'Isis in Italia. La notizia è trapelata da ambienti dell'antiterrorismo italiano. Fezzani, tra il 1997 e il 2001, avrebbe fatto parte di una cellula del "Gruppo salafita per la predicazione e il combattimento" che aveva base a Milano: il suo compito era quello di reclutare uomini da inviare a combattere all'estero.

Nel 2014 è stato condannato definitivamente a Milano per associazione per delinquere con finalità di terrorismo. Precedentemente, nel 2012, era stato assolto in primo grado e espulso dal Bel Paese. Fezzani era ricercato in base ad un mandato di cattura internazionale, dopo la condanna definitiva a 5 anni e 8 mesi, emesso dalla Procura Generale della Repubblica di Milano per associazione per delinquere con finalità di terrorismo.

Fezzani è stato individuato in Sudan grazie al lavoro investigativo svolto dalle due agenzie di intelligence italiane. Classe 1969, nato nella città di Tunisi, Fezzani è noto alle forze dell'ordine da oltre un ventennio. E' considerato un militante di Al Qaida in Afghanistan per le sue attività all'interno di una delle formazioni satellite del gruppo terrorista, la Ansar Al Sharia Tunisia.

Nel 2002 viene catturato in Pakistan, poi viene detenuto nella base statunitense di Bagram e successivamente estradato in Italia. Nell'aprile del 2012, dopo un periodo di detenzione, viene espulso in Tunisia. Successivamente viene localizzato in Libia, dove gestisce campi di addestramento per aspiranti mujaheddin. Nell'estate 2013, raggiunge la Siria, per poi rientrare nuovamente in Libia nel 2014 dove recluta aspiranti combattenti. Era ricercato dalla Tunisia, per l'organizzazione degli attentati al Museo del Bardo e all'Hotel Imperial di Sousse.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce
Polizia
OSTIA

Arrestati ex dirigente del Municipio e due imprenditori

Accusati di corruzione, abuso d’ufficio, falsità ideologica e millantato credito
MEDICI E VETERINARI

Nuovo sciopero a febbraio

Fermi i giorni 8 e 9. Sindacati: "La sanità pubblica è in emergenza"
Il premier Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Dublino e relocation scogli in discussione Ue"

Lo ha detto il premier italiano dal summit europeo di Bruxelles