LUNEDÌ 02 FEBBRAIO 2015, 17:23, IN TERRIS

Strauss Kahn alla sbarra. Parte il giudizio per sfruttamento della prostituzione

L'ex direttore del Fmi rischia fino a 10 anni di carcere e 1,5 milioni di euro di multa. Sul banco degli imputati anche avvocati, imprenditori, poliziotti e albergatori

AUTORE OSPITE
Strauss Kahn alla sbarra. Parte il giudizio per sfruttamento della prostituzione
Strauss Kahn alla sbarra. Parte il giudizio per sfruttamento della prostituzione
In Francia è considerato il processo dell'anno, forse del decennio. Sul banco degli imputati c'è Dominique Strauss Kahn, politico di lungo corso ma soprattutto ex numero uno del Fondo monetario internazionale, uno degli uomini più potenti del mondo. L'accusa è di quelle che non fanno dormire la notte: sfruttamento della prostituzione. L'economista francese è considerato dagli inquirenti la mente della creazione di un giro di squillo internazionali. Ma insieme a lui sarebbero coinvolti anche imprenditori, avvocati, poliziotti e albergatori.

Strauss Kahn era considerato il favorito per succedere a Nicholas Sarkozy alla guida dell'Eliseo, ma un'accusa di violenza sessuale, sporta nei suoi confronti da una cameriera del Sofitel a New York, ha stroncato la sua carriera politica, costringendolo a dimettersi dal Fmi e facendogli rinunciare alla poltrone dell'Eliseo.

Secondo gli inquirenti Strauss Kahn non solo frequentava le serate, ma era uno degli organizzatori. Anche Dominique Alderweireld, in arte Dodo, dovrà comparire insieme all'ex del Fmi davanti ai giudici perché considerato il principale reclutatore delle escort che avrebbero partecipavano alle serate sia in Francia che a New York.

L'ex direttore del Fmi - che ha ammesso di aver partecipato a molte serate ma ha negato di essere a conoscenza che le donne presenti fossero prostitute - rischia fino a dieci anni di reclusione e 1,5 milioni di euro di multa. Uno degli avvocati della difesa ha presentato la richiesta di annullare il processo perché l'istruttoria sarebbe stata viziata da manovre politiche contro il 65enne ex ministro socialista. Questo sarà il primo scoglio con cui si scontreranno i giudici che peraltro hanno sempre respinto la linea della difesa di Strauss Kahn, perché convinti che fosse a conoscenza delle condizioni delle serate in quanto erano organizzate per lui che era chiamato il "re della festa".

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Vigili del fuoco in azione a Desenzano
DESENZANO DEL GARDA

Incendio in discoteca: 17 intossicati

Panico al "Disco Art": fumo entrato dai bocchettoni dell'aria
Il Papa durante il viaggio in Perù
VIAGGIO IN PERÙ

Così il Papa ha ringraziato l'Arcivescovo di Lima

Ecco la lettera inviata al card. Thorne al termine della visita nel Paese sudamericano
Una veduta del Duomo di Firenze
FIRENZE

Biglietto unico per il Museo del Duomo e della Misericordia

Costerà 16 euro e sarà acquistabile presso le casse dell’Opera di Santa Maria del Fiore
La Croce Rossa internazionale

Scandalo senza fine

Anche nella Croce Rossa Internazionale scoppia lo scandalo: negli ultimi tre anni, 21 funzionari della celeberrima...
IMMIGRAZIONE

Fcei: "politiche europee inadeguate"

Bernardini: "Corridoi umanitari alternative reali"
Le esultanze per i gol di Destro, Skriniar e Ranocchia
SERIE A

L'Inter soffre ma vince, il Bologna vola con Destro

I nerazzurri battono a fatica il Benevento (2-0); i felsinei battono il Genoa con la rete dell'ex Roma e Falletti