LUNEDÌ 01 FEBBRAIO 2016, 000:10, IN TERRIS

STAMPA, NEL MONDO UCCISI 2297 GIORNALISTI IN UN QUARTO DI SECOLO

A riferirlo uno rapporto della International Federation of Journalists

MILENA CASTIGLI
STAMPA, NEL MONDO UCCISI 2297 GIORNALISTI IN UN QUARTO DI SECOLO
STAMPA, NEL MONDO UCCISI 2297 GIORNALISTI IN UN QUARTO DI SECOLO
Negli ultimi 25 anni almeno 2.297 tra giornalisti e personale nel settore dei media hanno perso la vita cercando di informare il mondo su guerre, rivoluzioni, criminalità e corruzione: è quanto emerge da un rapporto della International Federation of Journalists (Ifj) che verrà pubblicato la settimana prossima. Il documento, di 72 pagine, è stato ottenuto dall’agenzia stampa Ap in vista di un dibattito in programma per oggi al Parlamento britannico sulle morti dei giornalisti nelle zone di conflitto.

Nel 1990, da quando la federazione ha cominciato a raccogliere le statistiche, il bilancio dei giornalisti morti era di 40 ma dal 2010 non è mai sceso sotto la soglia dei 100. E i loro assassini, spiega il rapporto, restano nella maggior parte dei casi impuniti. “Gli ultimi 10 anni sono stati i più pericolosi e l’IFJ stima che solo per un omicidio su dieci si trova il responsabile: è una questione diplomatica, dobbiamo fermare l’impunità che protegge gli assassini [...] è il momento di fare qualcosa a riguardo” ha dichiarato in un’intervista Anthony Bellanger, segretario generale di IFJ. L’International Federation of Journalism basa le informazioni contenute nel rapporto su una varietà di fonti, tra cui affiliati in circa 140 nazioni, fonti della polizia e rapporti politici di varia natura.

Quest’anno sono già 16 i giornalisti morti ammazzati nel mondo: Afghanistan, Burundi, Iraq ma anche Francia (l’anno scorso la tragedia di Charlie Hebdo), Russia, Stati Uniti, Messico e Italia, il mestiere di giornalista è in tutto il mondo un mestiere sempre più pericoloso. L’Iraq è in cima alla lista come paese più pericoloso per i cronisti: negli ultimi 25 anni sono almeno 309 gli omicidi che li vedono come vittime designate. Al secondo posto ci sono le Filippine, con 146 omicidi, e al terzo posto il Messico, dove la violenza dei narcos ha falciato 120 vite in 5 lustri.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Igor il
SPAGNA

La confessione di Igor il "russo"

Ammessi i fatti contestati: usate 18 identità. Il killer ha accettato l'estradizione in Italia
Il luogo dell'esplosione
MOLOTOV CONTRO LA POLIZIA

S'indaga anche negli ambienti ultras

Il commissariato Prati gestisce il servizio d'ordine durante le partite all'Olimpico
Mattarella e il Papa
BUON COMPLEANNO FRANCESCO

Mattarella: "Auguri da tutti gli italiani"

Il Capo dello Stato: "Ha posto l'attenzione su persona e famiglia". Lo Judice: "Esempio per i giovani"
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)