LUNEDÌ 19 AGOSTO 2019, 18:04, IN TERRIS


MIGRANTI

Stallo Open Arms, la proposta di Toninelli

Nuovo passo avanti del Mit: "Li portiamo noi in Spagna". E altri 8 sbarcano d'urgenza per ricevere cure mediche

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Open Arms nei pressi del porto di Lampedusa
Open Arms nei pressi del porto di Lampedusa
"U

n ulteriore passo in avanti" sul caso Open Arms: parla in questi termini il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, che dopo il rifiuto della nave di affrontare sette giorni di navigazione per raggiungere il porto andaluso di Algeciras e le difficoltà palesate per recarsi con i 99 migranti rimasti a bordo (perché altri 8 sono stati sbarcati nella notte per motivi medici) verso quello di Minorca, ha messo a disposizione dell'equipaggio le navi della Guardia Costiera italiana. Il ministro ha infatti spiegato che a seguito dell'"incredibile rifiuto" di Open Arms di farsi scortare in Spagna dalle navi italiane, il prossimo passo sarà "portare noi, con la nostra Guardia Costiera, nel porto iberico che ci verrà indicato tutti i migranti che sono a bordo della Open Arms". A una condizione però: "La Spagna faccia prima, a sua volta, un passo in avanti e tolga immediatamente la sua bandiera dalla nave Ong".


La soluzione italiana

Continua, dunque, il braccio di ferro a tre fra i due Paesi europei e l'equipaggio della nav ong, per la quale lo sbarco continua a restare la soluzione migliore: "Se poi vogliono prendersi l’onere di portare queste persone in Spagna - ha spiegato il presidente Riccardo Gatti -, noi non lo possiamo fare". Le principali obiezioni dell'equipaggio riguardano le condizioni dei migranti rimasti a bordo, segnalati come fortemente provati e non in grado di affrontare un'ulteriore traversata a bordo di Open Arms (alla quale il Mit aveva offerto la scorta delle navi della Guardia Costiera "per accompagnare l’ong verso il porto spagnolo, con tutto il sostegno tecnico necessario, per far sbarcare lì tutti i migranti a bordo") ma anche di altre imbarcazioni.


Proposte e critiche

In sostanza, per Open Arms la via dello sbarco immediato resterebbe l'unica percorribile, avallando la soluzione del trasferimento in Spagna ma attraverso altri mezzi: "Per dare dignità ai naufraghi potrebbero trasferirli a Catania e da lì in aereo portarli a Madrid - ha detto ancora il presidente Riccardo Gatti -. Affittare un boeing per 200 persone viene 240 euro a passeggero. La soluzione Aquarius, lo scorso anno, per una nave della Guardia Costiera è costata 250 mila euro mentre la spesa per l'altra nave neanche si è saputa". Uno stallo che, a ogni modo, non piace neanche a Madrid da dove sono state mosse critiche sia all'Italia che alla ong: "La Open Arms - come spiegato dallla vicepremier Carmen Calvo a Cadena Ser - non ha voluto andare a Malta. Noi stavamo lavorando in colloqui con il governo maltese, ma loro hanno deciso di dirigersi verso l’Italia... Abbiamo offerto ogni tipo di aiuto: medico, viveri. Non capiamo la posizione della Open Arms. Abbiamo offerto il porto più vicino, non possiamo portare i nostri porti in Italia". E per quanto riguarda il nostro Paese, la vicepremier precisa: "Non c’è nessun accordo con il governo italiano".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Mercantile in porto
MERCATO DEL LAVORO

L’economia del mare a quota 200 mila imprese

Alla giornata nazionale della Blue economy (24-26 ottobre) le aziende del settore marittimo si incontrano a Formia e Gaeta
Inquinamento in una città italiana
DATI EUROPEI

Rapporto choc: l'Italia primo Paese dove si muore per inquinamento

Tassi altissimi al nord. Torino più inquinata di Parigi
Papa Francesco durante l'Udienza - Foto © Vatican Media
UDIENZA GENERALE

Il Papa: "L'evangelizzatore favorisce l'incontro di cuori"

Il Santo Padre continua la sua catechesi sugli Atti degli Apostoli
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Chiara Lubich
FRASCATI

Chiara Lubich: si chiude la fase diocesana di beatificazione

Lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle cause dei santi
Boris Johnson
REGNO UNITO

Johnson arretra sul backstop, Brexit verso l'accordo

Il premier avrebbe accettato la condizione di Bruxelles, sganciando Belfast dal nuovo mercato britannico
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli