Spari contro un senegalese: ferito a una gamba

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:58

Ancora un episodio di violenza scuote l'opinione pubblica italiana: un senegalese di 22 anni, Cissè Elhadji Diebel, il quale detiene un regolare permesso di soggiorno, è stato ferito a una gamba con un colpo di pistola mentre si trovava a passeggio nel quartiere napoletano di Vasto, in Via Milano. Il ragazzo è stato immediatamente soccorso e trasportato presso l'Ospedale 'San Giovanni Bosco', dove sarà sottoposto a intervento chirurgico per l'estrazione del proiettile. Non sarebbe comunque in pericolo di vita. Sull'accaduto sta indagando la Polizia che sta passando in rassegna riprese e testimoni sulla scena della sparatoria, per tentare di risalire agli autori del gesto.

L'aggressione

Stando a quanto ricostruito dalle Forze dell'ordine, Cissè stava passeggiando con due amici quando uno scooter, con a bordo due persone, si è avvicinato al gruppetto: a quel punto, uno dei due uomini a bordo, secondo gli amici del 22enne entrambi di pelle bianca, ha estratto l'arma e sparato due o più colpi verso il giovane, uno dei quali andato a segno a una gamba per poi dileguarsi nelle vie che circondano la stazione ferroviari centrale del capoluogo campano. Al momento, gli inquirenti non stanno seguendo una pista privilegiata, in quanto non è possibile stabilire per ora la matrice del gesto. Come detto, il proiettile che ha colpito Diebel a una gamba dovrà essere rimosso chirurgicamente, mentre la caccia all'uomo prosegue in tutto l'hinterland napoletano.

Le indagini

Stando a quanto riferito, il 22enne non avrebbe avuto finora problemi con la legge, nonostante sia stato aggredito in un quartiere noto per alcuni episodi di microcriminalità. Vasto è anche noto per la presenza di un nutrito numero di persone immigrate, una delle maggiori concentrazioni per quanto riguarda Napoli. Non è chiaro se il movente del gesto possa essere attribuito a razzismo ma questa sarebbe una delle piste seguite dagli inquirenti, così come quella di un possibile episodio legato alla criminalità della zona.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.