Sparatoria vicino al Mercy Hospital

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:09

Torna la paura negli Stati Uniti, da dove arriva la notizia di una nuova sparatoria: le Forze dell'ordine sarebbero infatti intervenute per rispondere a un allarme arrivato alle 15.30 del pomeriggio per alcuni spari vicino al Mercy Hospital di Chicago, dove sarebbero diverse le persone rimaste colpite. In un primo momento non erano stati rivelati ulteriori dettagli sulla natura della sparatoria né sul numero delle persone rimaste coinvolte o sul loro stato anche se, secondo quanto riferito dal portavoce della Polizia di Chicago, Anthony Guglielmi, “almeno un possibile aggressore è rimasto colpito”. Secondo l'emittente Nbc, la zona attorno all'ospedale è stata evacuata e le Forze di Polizia starebbero ora procedendo alla perlustrazione dell'edificio. L'intera zona è stata interdetta. Le prime informazioni parlano di almeno una donna e un agente feriti.

La dinamica

Secondo la prima ricostruzione, l'autore dell'aggressione stava parlando con una donna nel parcheggio della struttura, prima di perdere la ragione e spararle per tre volte in pieno petto, sparandole poi altre tre volte quando già giaceva a terra. Una testimone ha riferito ad Abc7 di aver visto i due parlare senza tuttavia mostrare toni da litigio ma discutendo normalmente. Anche per questo l'uomo ha definito “surreale” quanto accaduto nei minuti seguenti. Dopo aver ucciso la donna, probabilmente la sua fidanzata, il killer ha fatto irruzione nell'ospedale esplodendo altri colpi e ferendo gravemente un'infermiera (ricoverata in gravi condizioni) e colpendo anche un agente accorso sul posto. L'uomo è stato successivamente ucciso dalle Forze dell'ordine, mentre pazienti e personale del Mercy Hospital si erano già barricati all'interno del complesso.

 

#show_tweet#

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.