VENERDÌ 23 NOVEMBRE 2018, 22:12, IN TERRIS


MIGRANTI

Il barchino affonda, interviene un rimorchiatore

Il gommone inabissato al largo della Libia, a bordo ci sono 120 persone. L'appello disperato: "Fate presto, imbarchiamo acqua"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Barchino capovolto
Barchino capovolto
C

arebbero stati recuperati da un rimorchiatore i 120 migranti a bordo di un barchino che, secondo le teleefonate arrivate da bordo con il telefono satellitare, era vicino all'affondamento. L'imbarcazione giunta in soccorso sarebbe in servizio presso le vicine piattaforme petrolifere e, secondo quanto riportato, dopo aver preso i migranti starebbe ora aspettando l'arrivo di una motovedetta della Guardia Costiera libica, data in avvicinamento alcune ore fa. La stessa Gc ha comunicato ai colleghi italiani di aver preso il coordinamento delle operazioni di soccorso.


L'allarme

Centoventi persone a rischio annegamento, nel corso di quella che si stava profilando come l'ennesima possibile tragedia del Mediterraneo. L'ultimo disperato grido d'aiuto è arrivato proprio dall'imbarcazione in fase di affondamento nelle acque al largo della Libia: "Imbarchiamo acqua. Correte, stiamo annegando tutti". Un messaggio arrivato alle 19.32 e raccolto dal servizio Alarm Phone, il quale ha a sua volta lanciato l'allarme alle imbarcazioni più vicine. Fra queste non ci sarebbe la nave Mare Jonio, sulla quale si trova il leader di Sinistra italiana Nicola Fratoianni, distante diverse miglia nautiche: "Centoventi persone rischiano di annegare adesso - ha scritto su Twitter il deputato -. Abbiamo informato il centro di coordinamento del soccorso marittimo italiano e su loro indicazione i libici, senza alcuna risposta. Il gommone imbarca acqua, alcune persone sono già annegate. Noi siamo a più di otto ore di navigazione".


L'allarme

Sul barchino ci sarebbero, fra i 120 migranti, anche donne e bambini: "Abbiamo ricevuto una prima segnalazione attorno alle 16 - ha detto ancora Fratoianni -, parlava di un gommone in difficoltà e forniva delle coordinate.  Le imbarcazioni Ong si sono dirette verso la zona segnalata, hanno informato il centro di coordinamento di Roma (Imrcc) e hanno tentato di contattare i libici senza avere risposta. Alle 19 è arrivata la nuova segnalazione, è stato di nuovo contattata Roma che ha fatto delle verifiche e ha richiamato la Mare Jonio dicendo che c'era effettivamente una barca in difficoltà ma in un altro punto - spiega ancora Fratoianni". Stando al resconto del deputato, sembra che nella zona dell'incidente si stia recando una motovedetta libica e che "sia 'Open Arms' sia 'Mare Jonio' hanno invertito la rotta e stanno andando verso il punto indicato, dove arriveranno in piena notte".


Soccorsi

La competenza nella zona (il naufragio sarebbe avvenuto di fronte alle coste di Zuwara) spettava alla Guardia Costiera libica dalla quale, però, in un primo momento non erano arrivate risposte ufficiali, nonostante fosse stata data la notizia della motovedetta in avvicinamento. Una circostanza inizialmente non garantita da fonti ufficiali, dal momento che, in precedenza, non erano arrivate risposte ai numeri d'emergenza né l'allarme Navtext. A localizzare la posizione del barchino, invece, sarebbe stata proprio la Guardia Costiera italiana, riuscita a isolare il numero del satellitare dal quale è stata effettuata la prima telefonata di emergenza.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Laboratorio
NASCITE

Solo il 5% dei bimbi nati da gameti italiani

Nel 95% dei casi i donatori per la procreazione eterologa provengono dall’estero
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
Il Ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu
DIPLOMAZIA

Ministro turco: "L'Italia ci aiuti con i terroristi"

"L’embargo sulle armi porterà un vulnus nelle relazioni italo-turche"
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Bandiera cilena
CILE

Sale a 10 il numero delle vittime

Il Presidente Piñera: "Siamo in guerra". Arrestate 152 persone per violenze
L'Aula del Senato

Un centro che sia centro

Il meeting della Leopolda organizzato dall’ex premier Renzi, è stato tutto rivolto al messaggio da...