Soccorsa imbarcazione al largo di Pantelleria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:15

Notte di soccorsi in mare nel Mediterraneo. Un'imbarcazione con a bordo sessantasei tunisini è stata raggiunta da due motovedette al largo di Pantelleria, mentre il natante faceva rotta proprio verso l'isola. E mentre l'Italia chiede una “cellula di crisi” sui migranti attraverso una missiva inviata dal premier Giuseppe Conte all'Ue (nello specifico a Donald Tusk e Jean-Claude Juncker) un altro naufragio si consuma sulle coste dello Yemen.

Tunisini diretti a Trapani

I sessantasei tunisini soccorsi a largo di Pantelleria, sono stati trasferiti dal natante con il quale facevano rotta verso l'isola, su due motovedette della Guardia costiera e della Guardia di finanza dirette al porto di Trapani, dove dovrebbero arrivare nelle prossime ore.

Naufragio in Yemen

In contemporanea, una barca con a bordo 160 migranti africani, tra i quali donne e bambini, si è rovesciata al largo dello Yemen. A renderlo noto i funzionari della sicurezza yemenita, rimasti anonimi in quanto non autorizzati a parlare con la stampa. Al momento non è ancora chiaro se i migranti siano stati tratti in salvo. Di certo si sa che la barca era partita dalla Somalia e che a bordo vi erano 100 somali e 60 etiopi. Nonostante lo Yemen sia sconvolto dalla guerra, i migranti africani continuano ad arrivare nel Paese della penisola arabica dove non c'è un'autorità che possa impedirgli di viaggiare verso le nazioni più ricche del golfo. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.