SABATO 13 LUGLIO 2019, 02:47, IN TERRIS

IL RAPIMENTO

Silvia Romano, i nuovi passi dell'indagine

La cooperante è stata sequestrata a novembre. Due rapitori, arrestati: "A Natale era viva, poi è stata ceduta a un'altra banda"

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Silvia Romano
Silvia Romano
D

i lei non si hanno più notizie da mesi. Dopo un iniziale sollevamento dell'opinione pubblica per capirne le sorti e chiederne a gran voce la liberazione, è sceso il silenzio attorno alla vicenda di Silvia Romano, la volontaria italiana rapita in Kenya il 20 novembre scorso. Ora, al termine di un vertice avvenuto a Roma tra le autorità giudiziarie italiane e kenyote, emerge qualche nuovo elemento che, però, non sembra avvicinare di molto alla soluzione del drammatico caso: secondo quanto riferito da due cittadini kenyoti, arrestati il 26 dicembre poiché ritenuti esecutori del sequestro della ragazza, avvenuto nel villaggio di Chakama (a circa 60 chilometri da Malindi), la 23enne milanese sarebbe stata viva fino a Natale, giorno in cui sarebbe stata ceduta a un'altra banda. Per questo, le informazioni dei due si fermerebbero al momento qui.


Il rapimento

Il vertice è stata un'occasione per ricostruire le tappe del sequestro avvenuto a Chakama, appurando nuovamente la pianificazione e la messa in atto da parte dei rapitori che, pare, stessero già da giorni seguendo Silvia nei suoi spostamenti. Un'azione che, secondo le autorità, sarebbe da ricondurre alla criminalità locale, un commando di 8 persone, armate con fucili e granate, un arsenale sufficiente a spaventare la popolazione del villaggio locale e a portare via Silvia, priva di telefono e di passaporto. Tre di queste sono agli arresti, due fermate nel giorno di Santo Stefano e in attesa di processo (inizio previsto il 29 e 30 luglio), mentre una terza (un cittadino somalo 35enne) era stata trovata in possesso di una delle armi. Inizialmente, era parsa possibile una risoluzione rapida della vicenda, visto che il commando era stato dato come braccato mentre, a quanto pare, già a partire dal 26 dicembre i suoi componenti non erano più i carcerieri della giovane cooperante. Sempre dall'incontro, partecipato fra gli altri dal procuratore generale del Kenya, Noordin Mohamed Haji e Sergio Colaiocco, pm titolare del procedimento, è emerso che i carabinieri del Ros torneranno in Africa a breve, per proseguire la collaborazione con le autorità locali e per cercare di inidivduare qualche traccia della giovane volontaria. Un dramma che, al momento, sembra non offrire soluzione a chi vive nell'angoscia e nel dolore ormai da otto lunghissimi mesi.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ANTISEMITISMO

"Qui ebrei" scritta choc sulla casa di un'ex deportata

A pochi giorni dal 70esimo anniversario dalla liberazione dei lager ancora un gesto antisemita
GERMANIA

Sparatoria a Rot am See, 6 morti

Tragedia in una piccola città tedesca, dove un uomo armato ha aperto il fuoco in un edificio. Preso il killer
USA

Houston, esplosione in un palazzo

Ancora non è noto se ci siano vittime o feriti, così come sono ignote le cause dell'esplosione
PARLAMENTO EUROPEO

"Serve una task force Ue contro la tratta"

A Bruxelles, nella giornata di approfodimento sulla prostituzione coatta e il traffico di esseri umani, l'appello di don Aldo...
Locuste in Africa
KENYA, ETIOPIA E SOMALIA

Emergenza locuste in Africa: milioni di bimbi rischiano la fame

Save the Children: "In un giorno possono mangiare la stessa quantità di cibo di 90 mln di persone"
EMERGENZA SALUTE

Coronavirus, la Cina blocca i trasporti pubblici

Sono oltre 40 milioni i cittadini coinvolti. Chiusa parte della Muraglia cinese
SAN FRANCESCO DI SALES

"Le menzogne spogliano l'uomo di dignità"

Nel messaggio per la 54° Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, il Papa mette in guardia dalla "falsificazione...
Maltrattamenti in asilo - immagine di repertorio
ROMA

Maltrattavano bimbi, arrestate due maestre

Gli episodi di violenza in una scuola dell'infanzia alle porte della Capitale
ECOMUSEO

A lezione dalle pecore delle Langhe

Dalla cardatura della lana alla lavorazione del formaggio, a Paroldo (Cuneo) un'esposizione permanente sulle antiche...
GOVERNO

Si avvicina il voto regionale: oggi ultimo giorno di campagna elettorale

Dalle elezioni in Emilia e Calabria, alle sardine in piazza a Bibbiano: cosa succede tra maggioranza e opposizione
Le perquisizioni
BORGHESIANA | MUNICIPIO IV

Nuova operazione antidroga: 13 arresti tra cui una donna

Trovato in un'abitazione anche un quadro di Scarface incorniciato d'oro
SANTA SEDE

Un ufficio in Vaticano per gli anziani

Al primo summit pastorale sulla terza età, l'annuncio della creazione di un'apposita sezione del Dicastero per i...
Sfruttamento del lavoro nella raccolta delle mele
VERONA

Sfruttavano richiedenti asilo, 3 arresti

Accusati di caporalato nei confronti di una ventina di nordafricani
I danni del sisma del 2016
SISMA 2016

Ricostruzione: "Ampliare le prerogative del commissario"

Lo chiede il Consiglio regionale delle Marche al Governo per snellire i tempi di ripresa