MERCOLEDÌ 11 SETTEMBRE 2019, 10:19, IN TERRIS

NAPOLI

Si travestono da carabinieri per rubare: 10 arresti

L'ultima rapina ai danni di una signora facoltosa sventata dai militari

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Divisa dei Carabinieri
Divisa dei Carabinieri
S

i fingevano carabinieri con tanto di divisa per rapinare la gente. E' sucesso a Napoli, dove un gruppo di 10 banditi dedito alla rapina di case e negozi è stato individuato ed arrestato dai militari della stazione di Napoli Marianella, a conclusione di una attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica. L’indagine è stata avviata dopo una violenta rapina nell’abitazione di un imprenditore nel settembre dello scorso anno nel quartiere di San Carlo Arena.


Il filone di indagini

Rapina, detenzione e porto abusivo d'arma da fuoco, sequestro di persona e furto in abitazione è la lunga lista di accuse del gruppo criminale che era dedito a furti in abitazione in diversi quartieri di Napoli e nelle città di Afragola e Marcianise (in provincia Caserta) nel periodo che va da settembre a dicembre 2018. Eseguita un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip. Quattro componenti dell'organizzazione erano stati già colpiti da analoga misura cautelare lo scorso 23 gennaio al termine di un primo filone dell'inchiesta. Le investigazioni seguite ai primi arresti hanno poi portato all’identificazione degli altri sei componenti del gruppo criminale a carico dei quali sono emersi indizi di colpevolezza in merito a un furto in abitazione e tre rapine, una delle quali sventata grazie all’intervento di una pattuglia di carabinieri. In dettaglio, riporta askanews.it, il furto in abitazione fu perpetrato nell’appartamento del vicino di casa di uno dei componenti del gruppo. In tale circostanza, per ritardare il rientro a casa della vittima, i malviventi gli avevano forato gli pneumatici dell'auto. Le due rapine, invece, avevano riguardato il titolare di un bar di Scampia e un dipendente di un centro scommesse dello stesso quartiere. In quella occasione, rapinatori si erano finti Carabinieri mettendosi divise dell'Arma e fingendo di effettuare perquisizioni. La terza rapina, quella sventata, era stata pianificata all’interno di un’abitazione di Marcianise. In questo caso, una dipendente di un negozio di parrucchieria aveva suggerito ai rapinatori, quale vittima possibile, una cliente particolarmente facoltosa. La donna era stata pedinata per molti giorni, le sue abitudini quotidiane studiate. Il proposito criminale del gruppo fu, però, bloccato sul nascere perché anche la banda veniva seguita e monitorata,  ma dai carabinieri. Bloccati e arrestati prima che entrassero in azione, il loro materiale fu interamente sequestrato: i militari trovarono e sequestrarono guanti, passamontagna, fascette per bloccare i polsi e una pistola giocattolo, fedele riproduzione di un’arma vera.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
MILANO

Scontro bus-camion rifiuti: una donna in coma

Indaga la polizia locale, forse il mancato rispetto della precendeza all'origine dello schianto
La bandiera italiana sventola sul Palazzo del Quirinale, 30 maggio 2018 - Foto © Tony Gentile per Reuters

Italia senza previsioni

Il rapporto del CENSIS, la Fondazione presieduta dal sociologo cattolico Giuseppe De Rita, ha messo, come di consueto,...
Giuseppe Conte e Roberto Gualtieri
GOVERNO

Manovra, accordo su plastic e sugar tax

Una rinviata a luglio e ridotta dell'85%, l'altra a ottobre. Il premier: "Recessione scongiurata, non siamo il...

Adulti rottamati

Si tende a guardare il mondo dei giovani da parte degli adulti come se questi non fossero mai stati giovani. Se...
Il Papa riceve Joseph e Michelle Muscat in udienza privata nel giugno 2013 - Foto © Clifton Fenech per DOI
SANTA SEDE

Il Papa domani riceve Muscat

La visita del premier maltese sarà in forma strettamente privata.
Mario Sossi durante il rapimento
MAGISTRATURA

E' morto il giudice Mario Sossi: fu rapito dalle Br

Pubblico ministero nel processo alla XXII Ottobre: il suo sequestro durò oltre un mese
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Cristiani filippini in preghiera
FILIPPINE

Anno pastorale: "Ecumenismo, dialogo interreligioso e popoli indigeni"

Vescovi: "La Chiesa esorta i fedeli a collaborare con persone di altre religioni e culture per la pace"
Alluvioni e fiumi in piena in Burundi
METEO

Il maltempo mette in ginocchio il Burundi: già 28 morti

Nove Paesi dell'Africa orientale stanno subendo gli effetti delle piogge con frane e alluvioni
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica