Sequestratore uccide tre donne e si suicida

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:50

Un uomo armato è penetrato in uno dei più grandi istituti per reduci militari degli Stati Uniti situato a Yountville, in California, dove sono ospitate circa mille persone. L'assalitore, vestito con un giubbotto antiproiettile e armato con una pistola automatica, ha preso in ostaggio tre donne, trovate poi morte insieme al loro sequestratore. Inutili le trattative con la polizia.

Omicidio-suicidio

I corpi dei quattro sono stati scoperti quasi otto ore dopo che l'uomo armato si era infiltrato in una festa d'addio in un edificio della struttura in cui vengono assistiti i veterani di guerra dell'Iraq e dell'Afghanistan. L'uomo si chiamava Albert Wong, 36 anni, e aveva servito un anno in Afghanistan tra il 2011 e il 2012. Le vittime erano tre operatrici di un programma del Pathway Home per il recupero di ex militari affetti da disturbo da stress post-traumatico (Ptsd): una psicologa, Jennifer Gonzales di 29 anni, il direttore esecutivo Christine Loeber di 48, e il direttore clinico Jennifer Golick, 42.  Secondo le autorità locali, il killer era un ex paziente del programma dal quale – ha riferito un parente di una delle vittime – era stato recentemente espulso.   

L'assalto

Wong si sarebbe introdotto in una festa di addio per alcuni impiegati del Pathway Home, prendendo in ostaggio alcune persone e lasciandone libere altre. L'assedio sarebbe durato alcune ore. Dopo una sparatoria con la polizia locale, non si sarebbe sentito più nulla fino al ritrovamento dei quattro corpi. La polizia, intervenuta sul posto, aveva isolato l'ospizio della contea di Napa, la Veterans Home of California, come riferito da un portavoce del Dipartimento per gli affari dei veterani di Stato.

La struttura

Nella struttura, inaugurata nel 1984, sono ospitate numerose persone reduci dai principali conflitti bellici che hanno visto protagonisti gli Stati Uniti d'America, fra i quali la Seconda guerra mondiale, la guerra di Corea, la guerra del Vietnam, la tempesta del deserto e i conflitti in Iraq e in Afghanistan. “La Chp sta lavorando con l'ufficio dello sceriffo della contea di Napa per mettere in sicurezza l'intero perimetro”, ha scritto su Twitter la pattuglia della California Highway Patrol. In una breve conferenza stampa, il portavoce della pattuglia, il sergente Robert Nacke, ha detto che verrà creata una hotline per ottenere informazioni sui parenti all'interno della casa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.