MERCOLEDÌ 03 OTTOBRE 2018, 03:16, IN TERRIS


USA

Sequestrato un sospetto plico avvelenato: era per Trump

L'Intelligence intercetta altre due lettere per Mattis e Richardson: possibile presenza di ricina

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il Pentagono
Il Pentagono
I

l Secret service, l'agenzia federale degli Stati Uniti incaricata di vigilare sulla sicurezza del presidente, ha confermato l'indiscrezione filtrata attraverso alcuni media americani: una busta contenente una sospetta sostanza tossica (probabilmente la ricina, di elevata pericolosità per l'uomo) è stata intercettata dall'Intelligence, la quale ha impedito che arrivasse a Donald Trump, al quale era indirizzata. La lettera, datata 1 ottobre, non è mai arrivata alla Casa Bianca ma, al momento, questa è l'unica informazione fornita sul plico che, stando a quanto riportato, avrebbe potuto rivelarsi estremamente pericoloso qualora fosse giunto a destinazione.


Fatti collegati?

Nella giornata di ieri, le forze d'Intelligence del Pentagono avevano intercettato altre due lettere simili, indirizzate rispettivamente al Segretario alla Difesa, James Mattis, e al capo della Us Navy, John Richardson. Entrambi i plichi erano stati individuati proprio al Pentagono e, per questo, la struttura è stata messsa in quarantena, per consentire tutti gli accertamenti sanitari del caso, mentre le due missive sospette venivano girate all'Fbi per lo svolgimento delle indagini. Secondo gli investigatori, i due episodi sarebbero collegati e sembrerebbe che la sostanza tossica presente nelle lettere potrebbe davvero essere ricina, in una modalità di contaminazione che ricorda da vicino quanto accaduto in Gran Bretagna, a Salisbury, con il Novichok.


Il caso di Houston

Qualora gli esami dovessero accertare davvero l'utilizzo della ricina, si tratterebbe di un attentato in piena regola poiché, come noto, la potentissima citotossina naturale è in grado di sortire effetti letali sull'uomo già in quantità infinitesimali. Nel frattempo, praticamente in contemporanea alla diffusione della notizia sui sospetti plichi avvelenati, è arrivata la notizia del ricovero di due persone impiegate nell'ufficio del senatore repubblicano (nonché ex candidato alle primarie del Gop per le presidenziali del 2016) Ted Cruz di Houston, in Texas. I due sarebbero stati portati in ospedale dopo essere venuti in contatto con quella che è stata definita dai funzionari dell'ufficio come una "sostanza bianca e polverosa". Gli edifici sono stati evacuati per sicurezza ma, al momento, non ci sarebbe alcun pericolo per il personale.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'epicentro del sisma
ARCIPELAGO

Terremoto 7.1 in Indonesia

Seguito da un forte sciame sismico, non è stata emessa alcuna allerta tsunami
Claudio Borghi con una possibile banconota di minibot
POLITICA

Minibot, l'altolà di Giorgetti

Battuta tagliente del sottosegretario leghista: "Non sono verosimili. Ancora c'è chi crede a Borghi?"
Il Sindaco di Scorrano, Guido Nicola Stefanelli
LECCE

Mafia: 30 arresti, indagato un Sindaco

Sembra si tratti del Sindaco di Scorrano, Guido Nicola Stefanelli, di Lista Civica
Al via le prove orali
SCUOLA

Maturità, al via gli esami orali: debuttano le tre buste

Il Miur ha postato un video per spiegare come sarà la prova e tranquillizzare i ragazzi
Passeggeri su un treno in Bangladesh
BANGLADESH

Treno cade dal ponte: 4 morti e 65 feriti

Il ponte è crollato al passaggio dle convoglio, ignote le cause
Sud Italia

Soprattutto il Sud

Matteo Salvini manda a dire ai sindacati e imprenditori che li convocherà per un confronto a luglio. La...