Sequestrati beni per 41 mln al clan Cappello

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19

Beni per 41 milioni di euro sono stati sequestrati dalla squadra mobile e dalla divisione polizia anticrimine della Questura di Catania a un imprenditore “ritenuto orbitante nell'area di influenza del clan Cappello”, organizzazione criminale e famiglia mafiosa legata alla stidda, originaria della provincia di Catania, che prende il nome dal boss Salvatore Cappello. Attiva in Sicilia, Campania e Calabria, annovera tra i capi storici, anche Giuseppe Salvo.

Il provvedimento 

Il provvedimento del Tribunale, su richiesta della Dda della Procura, è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Catania e dispone il “sequestro di beni illecitamente conseguiti da soggetti gravitanti nell'area della cosca Cappello-Bonaccorsi” e riguarda beni mobili, immobili ed imprese, in forma individuale e societaria, inquadrati principalmente nel settore della grande distribuzione alimentare.

I supermercati

Il personale della Squadra Mobile e della Divisione Anticrimine della Questura di Catania, dando esecuzione al provvedimento, hanno sottoposto a sequestro l’intero patrimonio aziendale di una catena di supermercati a marchio Gm, 13 esercizi in tutto, presenti nell’area urbana di Catania e nella provincia etnea e facenti capo a Giuseppe Guglielmino. 

I precedenti

Negli mesi scorsi erano state sequestrate anche le società di trasporti riconducibili a Mario Strano, che nel 2007 sembra sia passato dal clan dai Santapaola a quello dei Cappello-Bonaccorsi.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.