Schianto fra suv e van: 5 morti, 2 erano italiani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:42

Un bilancio tragico quello dello schianto avvenuto stanotte nella regione del Moray, in Scozia, che ha coinvolto un fuoristrada e un minibus: secondo quanto riportato, 5 persone sulle 10 conivolte hanno perso la vita e, fra queste, ci sarebbero 4 turisti italiani, i quali viaggiavano a bordo del van assieme ad altri connazionali. Le altre 5 sono rimaste ferite, alcune in condizioni piuttosto serie. A riferire della presenza di italiani nel bilancio mortale dell'incidente è 'SkyNews', che precisa inoltre come le cause dello schianto non siano al momento note. Per ora, si sa che la strage è avvenuta sull'autostrda A96, fra il villaggio di Keith e quello di Huntly, nei pressi dell'Aberdeenshire: a causa dello schianto, la carerggiata è stata chiusa al traffico per tutta la notte.

Schianto mortale

Fra le vittime italiane ci sarebbero una donna e un bambino di 4 anni: i due, stando a fonti della Polizia, viaggiavano su un minibus Fiat con altre 4 persone, tutte della stessa nazionalità. Secondo informazioni, ancora non ufficializzate, il piccolo viaggiava con i genitori e suo fratello, mentre la donna con suo marito. Altri due degli occupanti del van sono stati ricoverati in gravi condizioni, mentre le altre due restanti persone avrebbero riportato ferite meno serie. Gli altri tre morti viaggiavano tutti sul suv che si è scontrato col minibus e sarebbero tutti di nazionalità britannica. Come detto, non c'è ancora certezza su come i due veicoli siano entrati in collisione ma lo scontro è stato frontale e molto violento, tanto da distruggere quasi completamente la vettura sulla quale viaggiavano le tre vittime scozzesi, un uomo e due donne, rispettivamente di 63, 69 e 70 anni.

Nel frattempo, il console italiano a Edimburgo, Carlo Perrotta, è in costante contatto con le autorità investigative e sanitarie, mentre il console onorario ad Aberdeen si è recato nell'ospedale per verificare di persona le condizioni degli altri connazionali feriti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.