Schianto con la minimoto: grave un bimbo di 10 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:47

Un bambino di 10 anni residente nella valle del Gran San Bernardo (in Valle d'Aosta) è rimasto ferito dopo essere caduto in minimoto. Il piccolo è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione al “Parini” di Aosta. L'incidente è avvenuto a Verrès nel pomeriggio di ieri.

A quanto si apprende, il piccolo, residente in media valle, si è procurato un trauma alla milza, che ha fatto propendere i medici per la prognosi riservata. Sull’accaduto sono in corso accertamenti, da parte dei Carabinieri della compagnia di Châtillon/Saint-Vincent. L’incidente di Verrès aggrava il bilancio di una giornata pesante nella regione, con un centauro deceduto a causa di un incidente stradale.

Minimoto

Lo scorso 27 agosto un bimbo di soli 9 anni è morto schiantandosi contro un muro di casa mentre andava con una minimoto Enduro di 80 cc di cilindrata. Il piccolo stava passando una domenica in campagna con i parenti in contrada Pezze Mammarelle, al confine tra le province di Taranto e Brindisi, tra Martina Franca, Villa Castelli e Ceglie Messapica. Alla giuda del mezzo, il cuginetto di pochi mesi più grande. Lui è salvo e ha riportato solo ferite guaribili. Per il piccolo Giuseppe, invece, non c'è stato nulla da fare: a differenza del cugino alla guida, lui non indossava il casco di protezione.

Lo scorso maggio una bimba di 10 anni di Forino (Avellino) ha rischiato la vita dopo essersi schiantata contro un muro mentre era alla guida della sua mini moto. Soccorsa e portata nell'ospedale “Moscati” di Avellino, a causa della gravità delle ferite riportati, i sanitari ne avevano disposto il trasferimento nel nosocomio pediatrico “Santobono” di Napoli dove è stata ricoverata nel reparto di Rianimazione. La bimba è arrivata in stato comatoso. Dopo 7 ore sotto i ferri per un'operazione al cervello, Marika (questo il nome della piccola) non è ancora uscita dal coma.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.