LUNEDÌ 06 LUGLIO 2015, 14:59, IN TERRIS

ROMA, OMICIDIO A MONTEVERDE: FERMATO IL CUGINO

L'egiziano ucciso e lasciato in un sacco della spazzatura, la sera della sua scomparsa aveva con sè 5000 euro che avrebbe dovuto inviare alla famiglia

AUTORE OSPITE
ROMA, OMICIDIO A MONTEVERDE: FERMATO IL CUGINO
ROMA, OMICIDIO A MONTEVERDE: FERMATO IL CUGINO
Il giallo sul cadavere di un egiziano, Hashem El Sayed Gaafar, ritrovato nel quartiere Monteverde di Roma la scorsa settimana sembra avvicinarsi alla conclusione. L'uomo aveva le mani e i piedi legati e gli investigatori, riscontrando da subito gli elementi per parlare di un omicidio, si sono messi sulle tracce del killer. Il fratello della vittima ha spiegato che aveva un negozio di frutta nella zona e che dal 1 luglio si erano perse le sue tracce.

Dopo le prime indagini che avevano portato a sospettare di due uomini, la polizia ha fermato il cugino di Gaafar, 30 anni e ritenuto responsabile dell'omicidio. Dalle ricostruzioni è emerso che il giovane parente doveva saldare due mensilità di affitto del suo negozio. Si tratta di cinquemila euro che avrebbe pagato al proprietario del locale il giorno dopo la morte dell'egiziano.

"Quella sera aveva in tasca molti soldi, forse qualcuno lo sapeva" ha ammesso il fratello della vittima. "Doveva dare tutto a casa, alla moglie che sta per partorire in Egitto - dice Imad, che in Italia si arrangia facendo il parcheggiatore - ma dopo mercoledì non l'abbiamo più visto". A conferma di questo si è aggiunta la dichiarazione di un coinquilino dell'egiziano il quale ha riferito che l'uomo quella sera avrebbe dovuto incontrare un connazionale che in partenza per l'Egitto avrebbe portato alla famiglia la somma di denaro. Gaafar però non si presentò mai a quell'appuntamento, il killer aveva già agito. Attualmente gli investigatori ancora a lavoro, non escludono nessuna pista: dal regolamento di conti nella comunità egiziana all'ipotesi passionale sono alla ricerca di una prova schiacciante.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Proteste anti-americane a Beirut
GERUSALEMME CAPITALE

Scontri davanti ambasciata Usa a Beirut

Proteste anche in Svezia e in Indonesia
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto