Incendio in un appartamento a Roma: mistero sull’identità della vittima

I pompieri hanno trovato il corpo carbonizzato di una donna nella stanza da letto. La vittima non è stata ancora identificata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:22
L'incendio in via Satrico, a Roma

Tragedia a Roma, dove una donna è morta in seguito ad un incendio divampato nel suo appartamento. Il rogo è divampato nel corso della notte in un’abitazione al quarto piano al civico 11 di via Satrico, nel quartiere Appio Latino.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con la squadra 3A, il funzionario di servizio, gli agenti del VII Gruppo Appio della Polizia Locale di Roma Capitale e le pattuglie della Polizia del Reparto Volanti e dei commissariati Appio, Romanina e San Giovanni.

La vittima

La chiamata ai soccorsi è giunta intorno alle 3:30 della notte fra il 21 ed il 22 settembre. Una volta entrati nell’abitazione, i pompieri hanno trovato la donna nella stanza da letto. Inutile ogni tentativo di soccorso, la donna era già deceduta. A quanto riferito ad Ansa, il corpo della donna era carbonizzato. Sono stati ascoltati alcuni vicini che avrebbero raccontato che in casa viveva un‘italiana di 67 anni, anche se all’anagrafe risulterebbe residente lì una cittadina ucraina che non è stata rintracciata.

Evacuazione

Spento l’incendio, oltre all’appartamento andato distrutto dalle fiamme, una seconda abitazione al piano sopra a quella dove è divampato l’incendio è stata dichiarata inagibile, con l’inquilina che ha trovato alloggio presso alcuni parenti.

A scopo precauzionale – scrive Romatoday – sono stati evacuati in nottata circa 50 residenti, rientrati poi nelle loro abitazioni una volte terminate le operazioni di messa in sicurezza dello stabile, in tarda mattinata. Nessun altro degli abitanti è rimasto ferito né intossicato.

Il magistrato di turno ha disposto il sequestro della casa con la salma della vittima messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Ancora da accertare con precisione le cause dell’incendio.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.