MERCOLEDÌ 26 GIUGNO 2019, 10:34, IN TERRIS


LAZIO

Roma, pittore ucciso: fermato un 18enne

Per l'omicidio di Umberto Ranieri è indagato un giovane originario della Tunisia

GIUSEPPE CHINA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
S

embra ad un punto di svolta il giallo inerente la morte del pittore Umberto Ranieri. Per il delitto è stato fermato con l'accusa di omicidio un ragazzo di origine tunisina di 18 anni. L'artista 55enne, originario della provincia di Chieti, è deceduto lo scorso 17 marzo, quando dopo un pugno al volto aveva battuto la testa. 


Il fatto

Sin dalle prime ricostruzioni, gli inquirenti ritengono che il colpo sferrato nei confronti di Umberto Ranieri sia stato scatenato da una lite. Come detto, l'uomo cadendo aveva battuto la nuca, un impatto che è stato fatale dato che Ranieri è deceduto appena giunto in ospedale. La vicenda è avvenuta intorno alle 21 in Largo Preneste a Roma. Sembra che l’aggredito, di origine abruzzese e diplomato all'Accademia delle Belle Arti, sia stato visto da alcuni testimoni nella piazza dove si recava frequentemente. Nella confusione generale pare che, al termine di una discussione con alcuni ragazzi, sia stato tramortito con un pugno tanto violento da farlo cadere a terra. Le indagini sono state effettuate dal Nucleo operativo dei carabinieri della compagnia Casilina. Un impulso decisivo all'attività investigativa è stato dato dalle telecamere di sorveglianza. Umberto Ranieri era incensurato, celibe, senza figli e un artista apprezzato che nella Capitale lavorava ed esponeva le proprie opere.


L'appello dell'ex findanzato

All'indomani della sua morte, l'ex compagno dell'artista ha fatto un appello e una denuncia sull'accaduto. "Conoscendo bene la vittima dell’aggressione, penso che si tratti di un delitto di stampo omofobo". E ancora: "Era una persona spontanea, che senza nessun problema, quando si trovava per strada, se qualcuno gli piaceva, glielo faceva capire, senza mezzi termini. Ovviamente sempre in modo civile e tranquillo". Un atteggiamento che secondo l'uomo non è consentito dalla mentalità del nostro Paese. "Io glielo dicevo sempre: qui non siamo in Spagna, devi fare più attenzione". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una foto di Mattia Torre sui social network
CULTURA

Addio allo sceneggiatore Mattia Torre

Famoso per aver scritto la serie tv di culto “Boris”, era malato da tempo
Un'immagine del Santuario di Lourdes
PELLEGRINAGGI

La diocesi del Papa in viaggio verso Maria

Pellegrinaggio mariano a Lourdes dal 26 al 29 agosto organizzato dal Vicariato
GRECIA

Terremoto in Grecia, paura ad Atene

Il sisma, di magnitudo 5.3, ha bloccato molti in ascensore
Per il 91% degli italiani, le recensioni di TripAdvisor sono attendibili
OCCHIO AL WEB

Recensione negativa per TripAdvisor

Il Consiglio di Stato ha multato la nota community di recensioni online
Bossoli
CAMORRA

Doppia "stesa" a Napoli: paura nella notte

Due bossoli davanti alla chiesa dove fu ucciso Genny Cesarano
PICCOLI SVANTAGGIATI

L'app per i bambini non udenti migliora la sua offerta

StorySign amplia i suoi contenuti a disposizione dei 32 milioni di minori privi di udito
NERA

Milano, 28enne morto in una piscina comunale

Sul caso indagano i Carabinieri, ipotesi aperte sul motivo del decesso
Luigi Di Maio
GOVERNO

Di Maio: "Escludo crisi, parliamo e andiamo avanti"

Così il vicepremier 5 stelle per allontanare le tensioni fra i due partiti alla guida dell'esecutivo
ALLERTA D'ESTATE

Vacanze e social: allarme furti

La denuncia shock di Skuola.net: "Più della metà si geolocalizza"
Dia
RAPPORTO

Dia: "Le operazioni finanziarie delle mafie sono al Nord"

Lʼallarme: "Dalla mafia nigeriana rischi di radicalizzazione islamica"
Ospedale Cardarelli di Napoli
NAPOLI

Furbetti del cartellino: 60 avvisi di garanzia al Cardarelli

Dipendenti dell'azienda ospedaliera si allontanavano in orario di lavoro
La cattedrale di Sarzana
LIGURIA

Sarzana, nuova mostra al Museo Diocesano

Rassegna culturale che ha come elemento centrale la misericordia