Rissa a cadice: arrestato uno dei 4 studenti Erasmus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:23

Sono stati identificati i 4 ragazzi accusati di aver picchiato e ferito gravemente un ragazzo spagnolo durante una rissa fuori da un locale di Cadice, in Spagna. I quattro, due 22enni, un 21enne e un 29enne, sono tutti studenti Erasmus. Solo per uno di loro è scattato l'arresto: a finire in manette è Emilio Di Puorto, 29 anni, di Napoli. Sarebbe stato lui, secondo l'accusa, a sferrare il calcio alla testa al trentenne spagnolo che era già a terra dopo aver ricevuto un pugno. Il giovane, che ha immediatamente perso i sensi, versa in gravi condizioni all'ospedale di Puerta del Mar; per lui le condizioni sono stabili ma la prognosi resta riservata. Non è chiaro cosa abbia scatenato la rissa, iniziata presumibilmente all'interno del locale, la discoteca Mommart.

I fermati

Determinanti per individuare il branco sono state le immagini di un video di un testimone che ha ripreso l'intera fase dell'aggressione col cellulare. Immagini shock in cui si vede chiaramente Di Puorto sferrare un forte calcio in faccia alla vittima mentre era ancora a terra a causa di un pugno preso poco prima. Gli altri 3 italiani coinvolti sono: Nicola Iannetta, 21 anni di Salerno, Dario Bordoni, 25 anni, e Luca Maicon Vinicius Bellavia, di 22 anni. ieri erano stati condotti in Tribunale per essere “messi a disposizione dell'autorità giudiziaria”. Solo per Di Puorto, secondo quanto scrive il sito 'Diario de Cadiz' la misura più grave, probabilmente con l'accusa di tentato omicidio, se le condizioni del ferito non dovessero ulteriormente aggravarsi. Gli altri tre italiani potrebbero venire solo denunciati e ritornare in Italia nei prossimi giorni. La memoria torna al 2017, quando la vittima del pestaggio fu un italiano, Niccolò Ciatti, che morì poco dopo il ricovero in ospedale.

Spagna, 20enne italiano pestato a morte in discoteca: spunta il video choc. Arrestati tre russi

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.