LUNEDÌ 15 GIUGNO 2015, 008:45, IN TERRIS

RIENTRATO IN ITALIA IGNAZIO SCARAVILLI, IL MEDICO SEQUESTRATO IN LIBIA

La Farnesina conferma la buona salute del 68enne catanese rapito dai jihadisti nel gennaio scorso

MILENA CASTIGLI
RIENTRATO IN ITALIA IGNAZIO SCARAVILLI, IL MEDICO SEQUESTRATO IN LIBIA
RIENTRATO IN ITALIA IGNAZIO SCARAVILLI, IL MEDICO SEQUESTRATO IN LIBIA
Ignazio Scaravilli è libero, è atterrato a Ciampino nella tarda serata di ieri.  Il medico catanese è "stato trattato molto bene dalle autorità" di Tripoli nel periodo di tempo, dopo la sua liberazione, "necessario per le procedure di carattere amministrativo e le indagini in corso". Lo ha riferito il capo dell’Unità di crisi della Farnesina Claudio Tafuri, appena atterrato in aeroporto insieme a Scaravilli, aggiungendo che anche nel periodo precedente "non ha subito particolari violenze, compatibilmente con la situazione, i momenti di difficoltà come prigioniero e il peso psicologico che questo comporta".

Scaravilli, rapito in Libia lo scorso 6 gennaio da un gruppo di jihadisti, era stato liberato il 9 giugno, ma era stato trattenuto dalle autorità della capitale libica dove è al potere un governo filo-islamico non riconosciuto dalla comunità internazionale. Il governo legittimo, invece, resta insediato nell’estrema Cirenaica. "Ha appena lasciato il Paese su un volo speciale", aveva assicurato ieri sera verso le 19:30 Jamal Zubia, direttore del Dipartimento media stranieri dell'esecutivo. Sul rilascio di Scaravilli sono stati forniti pochi dettagli, si sa solo che alla sua liberazione hanno contribuito le forze di sicurezza di Tripoli. Sempre da fonti libiche si era appreso che Scaravilli si trovava presso gli uffici delle autorità di Tripoli "per gli adempimenti di rito". Non sono ancora chiare le ragioni che hanno poi ritardato la sua consegna alle autorità italiane. La Farnesina ha espresso apprezzamento e soddisfazione per il positivo esito della vicenda.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"