MERCOLEDÌ 11 SETTEMBRE 2019, 11:10, IN TERRIS


BRESCIA E CREMONA

Rapine e spedizioni punitive: sgominata baby gang

Quattordici ragazzi tra i 15 e i 19 anni sono destinatari di altrettante misure cautelari

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Minori in giro per strada (immagine di repertorio)
Minori in giro per strada (immagine di repertorio)
Q

uattordici giovanissimi tra i 15 e i 19 anni sono finiti nella rete della giustizia per raid violenti contro coetanei. I ragazzi organizzavano in chat le spedizioni punitive che poi facevano nella vita reale. Sia i minorenni che i maggioreni sono destinatari di quattordici misure cautelari emesse dal tribunale ordinario e da quello per i minorenni di Brescia.


La chat

L'indagine è stata condotta dalla polizia di Stato, che ha sequestrato i telefoni cellulari della baby gang formata da ragazzi residenti nella Bassa bresciana e a Cremona. Secondo quanto ricontruito dalle forze dell'ordine, sarebbero loro i responsabili di diversi episodi tra cui una rapina pluriaggravata avvenuta a metà giugno sul lungolago di Desenzano del Garda, nell'area Maratona, nei confronti di un gruppo di sette coetanei. In quella occasione, il gruppo aveva prima insultato e minacciato e poi preso a calci e schiaffi sette ragazzi tra i 14 e i 17 anni, ai quali avevano infine rubato telefonini, portafogli, denaro, magliette, auricolari e altri oggetti personali. Dalle indagini è emerso che quanto avvenuto "era stata una vera e propria spedizione punitiva, preordinata e preparata anche con la creazione di un gruppo in chat, originata da un precedente episodio avvenuto alcuni giorni prima, in cui uno degli indagati era stato preso di mira a Desenzato da alcuni coetanei del luogo". Venutolo a sapere, gli amici di quest'ultimo (residenti a Bagnolo Mella e Manerbio), avevano organizzato la ritorsione per dare "una lezione" ai desenzanesi e alla spedizione si erano aggiunti altri quattro o cinque giovani di origine nordafricana provenienti da Cremona.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Vacanze
FERIE

In vacanza a settembre 3 italiani su 10

Come cambiano i flussi turistici: giovedì a Roma un convegno sulle prospettive di un settore-chiave (5% del pil)
Test dell'Hiv
MESSINA

Nasconde l'Hiv e contagia 4 donne

Una di loro, l'ex compagna da cui aveva anche avuto un figlio, è poi morta
SANITÀ

Muore per una semplice trasfusione

Secondo le prime indagini, alla base uno scambio d'identità
La certificazione del record (foto Ansa)
RECORD

Il profiterole da Guinness è Made in Italy

Per realizzare la torta i pasticcieri di Latina hanno usato novemila bigné. Il primato precedente era svizzero
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte
GOVERNO

Conte II, giurano i sottosegretari

La cerimonia si è tenuta a Palazzo Chigi
Norcia, terremoto del 2016
TERREMOTO

Scossa 3.0 in Umbria

Quattro eventi nel giro di 20 minuti con epicentro a Norcia
PENSIONE

Riscatto laurea: si studia sconto anche per lavoratori pre-1996

La norma attuale prevede agevolazioni per chi versa i contributi da dopo il 1996. Nel 2019 già 32mila domande
Willy il Coyote e Bee-Beep - Foto © Looney Tunes
TELEVISIONE

Buon compleanno Willy il Coyote, 70 anni senza arrendersi

Il 16 settembre 1949 nasceva dalla penna di Chuck Jones il cartone animato-simbolo della ricerca della felicità