Ragazzo italiano scomparso tra Turchia e Siria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:08

Si chiama Alessandro Sandrini, è di Brescia e ha 32 anni. Di lui non si avevano più notizie dal 18 ottobre 2016, poi domenica scorsa un nuovo segnale. Il 3 ottobre 2016 era partito per la Turchia per un viaggio organizzato di una settimana nel Paese. Stava soggiornando in un albergo di Adana, città turca a 180 chilometri dalla Siria. Non è più tornato.

Il ragazzo, dipendente in cassa integrazione di un'azienda bresciana, aveva telefonato alla mamma il 4 ottobre 2016, poi non si era più fatto vivo. Fino al 18 ottobre, quando ha chiamato di nuovo a casa in toni allarmati: “Non so dove sono, mi hanno sequestrato. Aiutami“, avrebbe detto alla mamma.

E poi ancora, domenica sera, una seconda chiamata: “Questi non scherzano. Avvisa l'Ambasciata. Mi vogliono uccidere“. La Procura ha aperto un'inchiesta. L'indagine è affidata alla Squadra Mobile di Brescia che è in contatto con le autorità turche. Gli inquirenti ritengono si tratti di un sequestro di persona da parte di gruppi turco-siriani.

“Il caso del connazionale è da tempo noto e seguito dalla Farnesina”: così in una nota il ministero degli Esteri fa sapere che si sta occupando “da tempo” della scomparsa del giovane.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.