Quindicenne precipita dal tetto di un centro commerciale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:53

Stava cercando forse il punto giusto per un selfie con i suoi amici ma il desiderio di effettuare un semplice scatto si è trasformato nella peggiore delle tragedie: un 15enne di Cusano Milanino, in provincia di Milano, è precipitato dal tetto del centro commerciale 'Sarca' di Sesto San Giovanni, sparendo in un condotto di aerazione mentre con il suo gruppo si trovava sulla cima del palazzo. Secondo quanto riportato finora, il giovane sarebbe stato individuato dalla vigilanza e, nel tentativo di fuggire, sarebbe salito su uno dei tubi del condotto per l'aria, non accorgendosi dell'apertura dietro di lui, cadendo e precipitando per almeno 25 metri. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco che hanno estratto il corpo dalla tubatura, non senza difficoltà. L'adolescente è spirato poco dopo il suo arrivo all'ospedale di Niguarda.

Aperta un'inchiesta

Stando al racconto dei suoi amici, il gruppetto sarebbe salito sul tetto per scattarsi una foto e mostrare di essere riusciti ad arrivare sulla cima dell'edificio, proprio sopra il cinema 'Skyline' che si trova all'interno. A quel punto, alcuni uomini della sicurezza li avrebbero individuati e raggiunti per farli scendere e, nel corso della fuga, il 15enne ha tentato di arrampicarsi per poi precipitare. Una tragedia assurda, consumatasi nel breve volgere di qualche minuto: l'allarme è scattato alle 22.20. Diverso tempo è occorso ai pompieri per estrarre il ragazzo, rimasto incastrato nelle lamiere. Sulla vicenda stanno indagando i Carabinieri, mentre la magistratura ha aperto un’inchiesta per capire come possa essere stato possibile che i ragazzi siano riusciti a raggiungere il tetto del centro commerciale sfuggendo a sorveglianza e videocamere.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.