Precipita elicottero: morto il miliardario Chris Cline

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:18

Un elicottero partito dall'isola di Big Grand Cay, nelle Bahamas, e diretto a Fort Lauderdale, in Florida, è precipipitato causando la morte di 7 persone. Le vittime, 4 donne e 3 uomini, sono tutte di nazionalità americana. Le cause dell'incidente, che è avvenuto poco dopo il decollo, non sono ancora state accertate. Fra le vittime figura il miliardario Chris Cline, proprietario di alcune miniere di carbone in West Virginia, che possedeva una residenza a Palm Beach, in Florida. Nel gravissimo incidente, verificatosi giovedì 4 luglio, ha perso la vita anche Kamie Conover, la figlia  del magnate, sebbene le autorità non abbiano confermato tali informazioni. Il sessantenne era a poche ore dal festeggiare il suo compleanno prima della collisione fatale. Nato in Virginia Occidentale, Clime aveva conquistato la ribalta mediatica per aver frequentato la modella svedese Elin Nordegren, l'ex-moglie del golfista Tiger Woods.

Il cordoglio 

Il governatore della West Virginia, Jim Justice, ha reso omaggio al miliardario appena si è diffusa la notizia:  “Oggi abbiamo perso una superstar della WV e ho perso un amico molto intimo. Le nostre famiglie risalgono all'inizio dell'impero Cline – Pioneer Fuel. Chris Cline costruì un impero e in ogni occasione era sempre lì per dare. Era un uomo meraviglioso, amorevole e generoso” Il carbone era la passione di famiglia iniziata con il nonno che lo estraeva già a inizio '900. Poi il salto di qualità con il padre. Conosciuto per il suo stile di vita stravagante, Cline possedeva uno yacht di lusso di 62 metri chiamato Mine Games completo di cinque camere da letto e un sottomarino. Secondo il Daily Mirror, Cline era famoso per aver avviato Foresight Energy, azienda apice dell'industria del carbone prima di vendere la sua partecipazione nel fino al 2015.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.