LUNEDÌ 15 APRILE 2019, 12:43, IN TERRIS


VENETO

Pfas: raddoppiato il numero delle persone avvelenate

Regione: "Sono quattro i componenti rinvenuti in più del 50% della popolazione monitorata”

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Manifestazione contro l'avvelenamento da Pfas
Manifestazione contro l'avvelenamento da Pfas
S

ono più che raddoppiate in otto mesi le persone avvelenate dai Pfas, le sostanze perfluoroalchiliche che hanno inquinato la falda che scorre sotto una parte delle province di Vicenza, Padova e Verona, in Veneto. Ma la situazione reale potrebbe essere ben peggiore. Quando nel luglio 2018 la Regione rese pubblico il sesto Rapporto sull’andamento del Piano di sorveglianza sanitaria, risultavano esserci "solo" 7.716 cittadini (nati tra il 1966 e il 2002) per i quali era stato prescritto un percorso di approfondimento di secondo livello di esami presso gli ambulatori internistici e cardiovascolari. Ma - riporta il Fatto Quotidiano - al 5 marzo 2019 il numero è salito a 16.400 unità, pari al 64,8 per cento della popolazione monitorata. Inoltre, finora è stata chiamata a sottoporsi agli esami poco più del 50 percento della popolazione interessata al fenomeno, su un totale 47.213 persone. All'appello hanno risposto poco pù della metà: 27.968 soggetti, solo il 61 percento dei chiamati. Per tali motivi le persone intossicate dai Pfas e che necessitano di un approfondimento medico potrebbero essere molte di più di quelle segnalate finora. 


La relazione

Le analisi sono state effettuate nei 30 Comuni della Area Rossa, suddivisa in Area Rossa A (13 Comuni) e Area Rossa B (17 Comuni) a seconda della gravità dell’inquinamento degli acquedotti. Il dato preoccupante riportato nella relazione della Regione Veneto è la presenza in livelli superiori alla norma di tre sostanze Pfas su 14. Nel report si legge infatti che “Sono quattro i componenti rinvenuti in più del 50% della popolazione monitorata”. I dati si riferiscono alla popolazione adulta, mentre sono ancora in elaborazione i primi dati riguardanti i bambini in età pediatrica. A scaricare i Pfas nelle falde acquifere sono state le produzioni industriali nella zona di Trissino in provincia di Vicenza.


Miteni

Per tale inquinamento, è finita sotto inchiesta la Miteni, una società chimica italiana di proprietà di WeylChem (Icig ) che produce intermedi contenenti fluoro principalmente per l'industria agrochimica e farmaceutica. La procura di Vicenza ha messo sotto inchiesta alcune figure di spicco dell'azienda delle ultime gestioni. L'accusa sostiene che diversi manager fossero a conoscenza del danno ambientale dello che stava procurando lo sversamento chimico nel sottosuolo. La società è in crisi dalla scoperta della contaminazione della falda freatica intorno a Trissino con tensioattivi perfluorurati tanto che il 26 Ottobre 2018 il consiglio di amministrazione della società ha deliberato il deposito di un'istanza di fallimento.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore