Pestato e bruciato, clochard in gravi condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:44

E'ancora tutta da chiarire la dinamica della gravissima vicenda che ha portato al pestaggio di un cittadino straniero di 42 anni nel veronese. L'uomo di nazionalità romena si trova ora ricoverato in gravissime codizioni al Centro Ustioni di Borgo Trento. Si tratta di un senza fissa dimora che è stato bruciato dopo un violento pestaggio alla stazione di Villafranca di Verona. Secondo quanto si è appreso l'uomo, originario della Romania, trascorreva le notti in stazione. L'allarme è scattato pochi minuti dopo le 7, quando un macchinista ha notato un corpo riverso a terra sul binario. Il volto dell'uomo era tumefatto a causa di un evidente pestaggio e sul corpo c'erano ustioni. In stazione è installata una telecamera e le immagini potrebbero essere utili agli investigatori della Polizia di Stato per ricostruire la vicenda e individuare eventuali responsabili. Ancora da chiarire anche il movente che ha scatenato il pestaggio culminato con le fiamme appiccate sull'uomo, che è ricoverato in gravi condizioni al Centro Ustioni dell'ospedale veronese di Borgo Trento.

Il precedente

Era il 13 dicembre 2017 quando Ahmed Fdil, clochard marocchino di 64 anni di Santa Maria di Zevio (Verona), venne trovato morto carbonizzato nell’auto che era anche la sua casa. A commettere il feroce delitto un 13enne, dunque non imputabile, ed un 16enne che al termine del procedimento a suo carico è stato messo in prova per tre anni. Quindi per entrambi nessun giorno di carcere, pur avendo ucciso un bisognoso per noia. È quanto stato deciso pochi mesi fa, per la precisione a febbraio, dal Tribunale per i minorenni di Venezia. Drastico il commento di uno dei parenti della vittima. “Questo è il valore della vita di mio zio, lo zero assoluto“, ha dichiarato Salah Fdil, nipote di Ahmed. Che nella notte della sua morte aveva lasciato uno spicchio di finestrino della vettura aperto per far transitare un po' d'aria. Ed invece è stato utilizzato dai due minori che hanno buttato dentro fazzoletti infiammati. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.